ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

120,000 ricollocamenti. Il nuovo piano della Commissione alla prova degli Stati

Lettura in corso:

120,000 ricollocamenti. Il nuovo piano della Commissione alla prova degli Stati

120,000 ricollocamenti. Il nuovo piano della Commissione alla prova degli Stati
Dimensioni di testo Aa Aa

120.000 rifugiati da ridistribuire tra i Paesi membri non è che un passo iniziale. Parola di Angela Merkel, che ha espresso il suo apprezzamento per il nuovo piano della Commissione europea. Un passo in avanti rispetto ai 40.000 ricollocamenti proposti a maggio.

Per ora si sa quasi certamente che la totalità dei rifugiati proverrà da tre Paesi: Italia, Grecia e Ungheria. Berlino dovrebbe accoglierne poco più di 31.000, a Parigi ne spetterebbero 24.000, 15.000 a Madrid e 9.000 a Varsavia.

Per il Presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, che in questo piano crede sin dall’inizio, il lavoro si annuncia molto difficile. Bruxelles pensa, già, a introdurre sanzioni per i Paesi che si rifiuteranno di accettare le quote nazionali di rifugiati da accogliere entro i loro confini.

Per l’Inviato Onu in Siria Staffan de Mistura i 28 stati membri potrebbero fare ancora molto di più:
“L’Europa potrebbe fare ancora di più e lo sappiamo tutti. Gli Stati potrebbero trovare un modello comune di accoglienza, come ha suggerito anche l’Agenzia Onu per i Rifugiati, così come potrebbe optare per aiutare economicamente, sul posto, i profughi”.

Il piano, che sarà discusso lunedì nel corso della riunione d’emergenza tra i ministri dell’interno europeo, dovrà superare l’ostilità del blocco dell’est guidato dall’Ungheria.