This content is not available in your region

Crisi migranti: centinaia di migranti fuori dalla stazione di Budapest. Proteste

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
euronews_icons_loading
Crisi migranti: centinaia di migranti fuori dalla stazione di Budapest. Proteste

Decisioni contraddette alla giornata. Sono quelle che prende, anche perché costretto dalla pressione migratoria, il governo di Budapest.

Questa mattina è stata nuovamente evacuata la stazione est della capitale magiara, da cui i migranti partono con destinazione Vienna per proseguire in Germania.

Fino a lunedî sera tutti potevano partire, bastava avere un biglietto valido visto che la Germania ha dichiarato che accetterà centinaia di migliaia di profughi siriani quest’anno.

Ieri sera chi era riuscito a salire sui treni era felice: “Siamo venuti da Istanbul, attraverso la Grecia, la Serbia, l’Ungheria e l’Austria e da lì in Germania”, dice un uomo.

Poi però le cose sono cambiate alle 8,30 di questa mattina. Le autorità hanno bloccato tutti i treni da e per Budapest-est.

La polizia ha usato le maniere forti e centinaia di persone si sono radunate fuori dalla stazione gridando “Germania, Germania”.

In tarda mattinata la stazione ha riaperto non senza grandi difficoltà per i viaggiatori regolari e i migranti sono rimasti fuori.