ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Italia, la scuola in piazza contro la riforma Renzi

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Italia, la scuola in piazza contro la riforma Renzi
Dimensioni di testo Aa Aa

Scuole chiuse e docenti in piazza a Roma e in altre sei città italiane per lo sciopero generale contro la riforma scolastica proposta dal governo Renzi.

La “Buona scuola”, come è conosciuto il disegno di legge, non è poi così buona per i sindacati, che contestano l’ampliamento dei poteri dei presidi, i nuovi finanziamenti per le scuole private, il sistema di valutazione degli insegnanti e la scelta dei 100mila precari da assumere.

“Vogliamo manifestare contro un disegno di legge che modifica la natura della scuola così come ci è stata consegnata dalla Carta costituzionale – spiega Vincenzo Alessandro di CISL scuola – Vogliono sostituire la scuola basata sulla comunità educante con una scuola concorrenziale che finirà per creare alunni di serie A e di serie B”.

In corteo anche parte dei dirigenti scolastici, studenti e genitori preoccupati per il futuro dei figli.

“Ho un figlio di otto anni e vorrei che potesse avere le sue opportunità di studio. Vorrei che fosse libero di scegliere un liceo, un’università, e che se la potesse permettere. Vorrei che possa decidere se fare l’operaio o se fare l’architetto”.

Il premier Renzi ha obiettato di “non capire uno sciopero contro un piano da 100mila assunzioni”, ma i sindacati promettono di non mollare se la riforma non sarà profondamente cambiata prima o durante la discussione in Parlamento.