ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La cultura al servizio dell'integrazione dei giovani rom

La cultura al servizio dell'integrazione dei giovani rom
Dimensioni di testo Aa Aa

L’arte e la cultura sono strumenti molto potenti per costruire il dialogo fra le persone e creare fiducia nei giovani. A Moldova nad Bodvou, nella Slovacchia orientale, un gruppo di giovani rom ha studiato a lungo per preparare uno spettacolo musicale e teatrale. La loro insegnante è la cantante ceca di origini rom Ida Kelarova.

Questi ragazzi sono arrivati in città per provare un concerto organizzato dalla International Yehudi Menuhin Foundation, patrocinato dall’Unione Europea.

Lukas Hudak, studente: “Non vedo l’ora di andare a Bruxelles. Lì metteremo in scena spettacoli teatrali di danza e musica che abbiamo imparato con Ida”.

In Europa vivono dai 10 ai 12 milioni di Rom. In alcuni Paesi dell’Europa orientale e centrale rappresentano tra il sette e il dieci per cento della popolazione. A Moldava nad Bodvou, la maggior parte parla ungherese piuttosto che slovacco.

Ida Kelarova: “Lavoro molto con i ragazzi rom e hanno molto talento. Non si vergognano, non hanno complessi perché sono cresciuti liberi, non hanno addosso questa pressione, questo stress di dover imparare per forza e ottenere risultati. Sono aperti, aiutando questi talenti i risultati arrivano molto presto”.

Anche se non canta, Karol Horváth è un altro giovane che vuole imparare molto: sogna di fare il regista e ha già diretto alcuni film sulla vita dei Rom.

Karol Horvath, studente: “Ora studio in un istituto professionale per meccanici, sono al secondo anno, ma non mi piace. Il mio sogno è fare la scuola di cinema”.

Karol è aiutato dalla madre, leader della comunità rom di Moldava nad Bodvou. Irma ha frequentato la scuola, ha lasciato il campo e ora lavora come assistente sociale.

Karol Horvath: “Nei prossimi tre anni mi immagino alla scuola di cinema. Dopo avrei un buon lavoro nell’industria cinematografica e la gente mi rispetterebbe”.

Irma non si prende cura solo dei suoi figli. I ragazzi rom la chiamano “mamma Irma”. Con l’aiuto dell’associazione “Equity and ETP Slovakia” ha creato un centro sociale nel campo rom.

Irma Horvathova, rappresentante di ETP Slovakia: “Si tratta di attività che arrichiscono molto, altrimenti non avrebbero nulla da fare, starebbero seduti a casa o prenderebbero una strada sbagliata nelle loro vite. Le attività del centro sono un grande vantaggio per loro”.

Irma è a capo di un club teatrale, chiamato Slumdog. L’arte aiuta a costruire un ponte tra la minoranza e la maggioranza sociale. Lukas interpreta il ruolo di un ragazo che si droga: è la storia della sua vita. Come molti giovani rom, Lukas ha già un figlio: studia musica e spera di poter contrinuare a farlo.

Lukas Hudak: “Nel 2007 ho lasciato la scuola. Poi ho sentito parlare del centro e ho incontrato mamma Irma. Mi ha aiutato e mi ha convinto a non lasciare la scuola, a continuare a frequentarla e ad imparare, oggi vado a scuola tutti i giorni”

Karol Horvath: “Sono orgoglioso di essere rom e mi sento anche ungherese. Quando in tv sento notizie sull’Europa o sulle questioni europee sono molto interessato perché vivo in Europa”.