ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Mosul: è emergenza sfollati, in 29 mila hanno già lasciato le proprie case


Iraq

Mosul: è emergenza sfollati, in 29 mila hanno già lasciato le proprie case

Hot Topic Scopri di più su Mossul

A Mosul è salito a 29 mila il numero degli abitanti che hanno abbandonato le proprie case. L’esodo di massa c‘è stato dopo l’offensiva delle truppe di Baghdad iniziata lo scorso 17 ottobre per liberare la città che è l’ultima roccaforte dello Stato islamico in Iraq. Circa settemila sfollati hanno trovato rifugio nel campo di Khazir controllato dalle forze curde, a nord di Mosul e a una trentina di chilometri a sud ovest di Erbil, capoluogo della regione autonoma del Kurdistan iracheno.

“Lo Stato Islamico sostiene di conoscere l’Islam e in Islam i legami familiari sono importanti. Come possono dire questo quando non ho visto mia madre per due anni e mezzo? Questo non significa rispettare le famiglie ma distruggerle”, racconta questa donna fuggita dal villaggio di Gogjali, circa otto chilometri a Est dal centro di Mosul.

La fuga degli abitanti è iniziata già nel giugno del 2014, quando gli jihadisti occuparono Mosul. Le Nazioni Unite temono che il numero di sfollati possa arrivare a 200 mila. La battaglia, intanto, continua, strada per strada. Le forze congiunte di esercito, polizia e la principale alleanza delle milizie sciite sono entrate nella cittadina di Hammam Alil, ultimo bastione dei jihadisti, una ventina di chilometri a sud di Mosul. Migliaia di civili sono stati stati ammassati per essere usati come scudi umani. Chi può, intanto, continua a fuggire.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Corea del Sud: a Seul una folla oceanica chiede le dimissioni di Park Geun-hye