ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Esercito siriano e raid russi mettono Isis in fuga da Palmira

Una vittoria dal valore altamente simbolico ma non priva d’importanza strategica. Le forze siriane, alleate alle milizie sciite iraniane, agli

Lettura in corso:

Esercito siriano e raid russi mettono Isis in fuga da Palmira

Dimensioni di testo Aa Aa

Una vittoria dal valore altamente simbolico ma non priva d’importanza strategica. Le forze siriane, alleate alle milizie sciite iraniane, agli Hezbollah libanesi e con il cruciale appoggio dell’aviazione russa, riconquistano Palmira, simbolo della devastazione messa a punto dai militanti del gruppo Stato Islamico (Isis, Isil o Daesh secondo le possibili denominazioni dell’organizzazione criminale jihadista).

Assieme all’incalcolabile prezzo pagato in termini di vite umane, la presenza degli jihadisti a Palmira ha portato la distruzione di ampie porzioni del patrimonio archeologico culturale della città siriana.

L’avanzata dell’esercito siriano è stata facilitata da oltre 150 raid aerei russi nella regione di Palmira in appena 3 giorni.

“Stiamo ancora neutralizzando i terroristi all’entrata di Palmira, soprattutto nei quartieri occidentali della città e in questo momento si stanno ritirando, ci sono diversi convogli che fuggono dalla città” ha spiegato ai microfoni della televisione siriana un generale dell’esercito di Damasco.

l’Isis si é ritirato dai quartieri di Mutaqaidin, Jamiyya e dall’ospedale nazionale nella parte occidentale della città, famosa per il sito archeologico d’epoca greco-romana e patrimonio Unesco dell’umanità.

Mamoun Abdulkarim, responsabile del settore archelogico della Siria: “Tutti quegli specialisti che amano la città di Palmira sono caldamente invitati a contribuire, ad unirsi a noi nello sforzo di ricostruzione di Palmira. Tuttavia siamo coscienti che in sostanza dipenderà dal nostro sforzo, a livello nazionale”.

La ritirata dell’Isis da aree importanti di Palmira potrebbe essere il preludio per l’avanzata dell’esercito siriano ed alleati verso Deir El-Zor, l’Est del Paese e da lì verso Raqqa, capitale dell’autoproclamato Stato Islamico.