ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rotta dei Balcani, Ue creerà 100.000 posti d'accoglienza in più

Fare ordine nella cosiddetta rotta dei Balcani. Era l’obiettivo del minivertice che si è tenuto ieri a Bruxelles tra i Paesi dell’Unione Europea dai

Lettura in corso:

Rotta dei Balcani, Ue creerà 100.000 posti d'accoglienza in più

Dimensioni di testo Aa Aa

Fare ordine nella cosiddetta rotta dei Balcani. Era l’obiettivo del minivertice che si è tenuto ieri a Bruxelles tra i Paesi dell’Unione Europea dai quali passano decine di migliaia di migranti e rifugiati. Centomila nuovi posti di accoglienza per i profughi saranno creati. Di questi, 30.000 in Grecia entro la fine dell’anno e altri 50.000 lungo la rotta del Balcani concentrati nei 4 hotspots.

Il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker: “Abbiamo chiarito che la politica del lasciar passare deve finire. È così sarà” ha detto in conferenza stampa congiunta con la Cancelliera tedesca Angela Merkel e con l’Alto commissario Onu ai rifugiati Antonio Guterres.

Si tratta del solo risultado concreto raggiunto. Molti Paesi chiedevano un incremento del sistema delle quote. Tra gli Stati più critici la Slovenia. Il Primo Ministro sloveno Miro Cerar:

“C‘è nell’aria la paura che la Germania, e di conseguenza anche l’Austria, possano chiudere le frontiere, cosa che creerebbe un effetto domino disastroso se così si può dire per l’Unione Europea”.

La nostra corrispondente a Bruxelles Efi Koustokosta:

“Nonostante abbia prevalso la cautela, in questo vertice i leader dell’Europa centro-meridionale si sono messi allo stesso tavolo e si sono impegnati a fermare le iniziative unilaterali e a collaborare nella gestione dei flussi migratori con l’appoggio delle autorità europee. Hanno anche deciso di aumentare la capacità di accoglienza perchè, nonostante il peggioramento delle condizioni meteo, l’arrivo di migranti non diminuisce. La Grecia ha battutto un nuovo record con l’arrivo sulle sue coste di 48.000 persone negli ultimi 5 giorni”.