This content is not available in your region

Yemen verso la guerra civile: sunniti contro l'Iran, Paese diviso in quattro fazioni

Access to the comments Commenti
Di Salvatore Falco  Agenzie:  RWS
Yemen verso la guerra civile: sunniti contro l'Iran, Paese diviso in quattro fazioni

<p>Lo Yemen è il campo di battaglia della <a href="http://it.euronews.com/2015/03/27/in-yemen-si-combatte-una-guerra-per-procura-secondo-l-esperta-celine-jrizi/">guerra per procura che si combatte fra mondo arabo e Iran</a>. <a href="http://it.euronews.com/2015/03/30/non-avevamo-scelta-nuovi-raid-sauditi-nello-yemen-le-spiegazioni-dell-/">L’intervento militare lanciato dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati sunniti</a> aumenta infatti il rischio di un conflitto fra il regno wahabita e Teheran, la principale potenza sciita nella regione.</p> <p>“Lo Yemen è così importante perché non è storicamente un Paese confessionale e la posizione iraniana, che è cresciuta in Yemen nel corso degli ultimi mesi e settimane è molto più forte – spiega Katherine Zimmerman, ricercatrice all’American Enterprise Insitute – Quindi, i paesi sunniti nella regione si sentono molto più minacciati”.</p> <p>Gli Houthi, il gruppo insurrezionalista di ispirazione sciita, provengono dagli Zaidi, un ramo dell’Islam sciita che domina il nord dello Yemen. Rappresentano appena il 5% della popolazione di fronte al 70% di Sciafeiti, appartenenti all’Islam sunnita. </p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>¿Quién controla las diez mayores ciudades de Yemen? <a href="http://t.co/qxsaKVQ7d2">pic.twitter.com/qxsaKVQ7d2</a></p>— OrdenMundial S.XXI (@ElOrdenMundial) <a href="https://twitter.com/ElOrdenMundial/status/579961168887939072">March 23, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>In Yemen, storicamente, i fedeli pregano insieme nelle moschee e convivono.</p> <p>Ma da settembre, gli Houthi hanno preso il controllo della capitale Sanaa e hanno iniziato ad avanzare a sud, verso Aden. </p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>Yemeni rebels are advancing south; President has reportedly fled country <a href="http://t.co/h0WsbUBWis">http://t.co/h0WsbUBWis</a> <a href="http://t.co/6tJpQGgZQM">pic.twitter.com/6tJpQGgZQM</a></p>— Bloomberg Business (@business) <a href="https://twitter.com/business/status/580809493447090176">March 25, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>Dicono di condurre una rivoluzione in nome di tutta la popolazione, senza alcuna intenzione religiosa.</p> <p>“Siamo qui per garantire la sicurezza e la stabilità e per proteggere la libertà di tutte le persone”, sostiene Abw Hassa, un combattente Houti.</p> <p>Un altro protagonista di questo conflitto è Abd-Rabbu Mansour Hadi, il presidente eletto nel 2012 per guidare la transizione democratica. Ha dovuto lasciare il Paese, ma con il sostegno di Ryad e del Cairo chiede all’esercito di combattere i ribelli sciiti, aprendo la strada alla Guerra civile.</p> <p>“Le forze che sostengono il presidente Hadi si affiancheranno a quelle saudite e utilizzeranno questo a proprio vantaggio. Il problema è che non sarà una guerra civile tra due contendenti – aggiunge Katherine Zimmerman, ricercatrice all’American Enterprise Insitute – Avremo la fazione degli Houthi, un fazione pro-Hadi e anche quella di al Qaeda che cercherà di approfittare del conflitto per aumentare la proprio presenza in Yemen”.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>Military operation in <a href="https://twitter.com/hashtag/Yemen?src=hash">#Yemen</a> – infographics <a href="http://t.co/MAOHjNrtyP">http://t.co/MAOHjNrtyP</a> <a href="http://t.co/4wApdHVKxA">pic.twitter.com/4wApdHVKxA</a></p>— Sputnik (@SputnikInt) <a href="https://twitter.com/SputnikInt/status/581463398904369152">March 27, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>Lo Yemen è la base di Al Qaeda nella penisola araba, il ramo più attivo della rete fondata da Osama bin Laden, contro cui <a href="http://it.euronews.com/2015/03/28/yemen-lega-araba-intervento-militare-contro-houthi-non-si-fermera/">i 22 paesi della Lega araba si apprestano a varare una forza di intervento rapido</a>.</p> <blockquote class="twitter-tweet" lang="en"><p>Confused about the Yemen war? Here's a handy infographic <a href="http://t.co/bbJEHcwwFt">http://t.co/bbJEHcwwFt</a> <a href="http://t.co/BqrbrlmjdO">pic.twitter.com/BqrbrlmjdO</a></p>— Haaretz.com (@haaretzcom) <a href="https://twitter.com/haaretzcom/status/581898470308499456">March 28, 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>In questo quadro, l’autoproclamato Stato Islamico vuole sfruttare il profondo caos per penetrare nel Paese. Il movimento jihadista ha rivendicato i due attentati suicidi che hanno ucciso quasi 140 persone a Sanaa, in moschee frequentate da fedeli sciiti.</p>