EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
Copyright
Ultimo aggiornamento:

Video. Kenya: la più grande discarica è fuorilegge

Discarica di Dandora a Nairobi, in Kenya: le persone rovistano tra i rifiuti, raccolgono plastica che poi rivendono ai riciclatori.

Discarica di Dandora a Nairobi, in Kenya: le persone rovistano tra i rifiuti, raccolgono plastica che poi rivendono ai riciclatori.

Un chilo di plastica riciclabile farà guadagnare a chi la raccoglie Ksh 17, ovvero 0,17 dollari.

Eunice Achieng lavora alla discarica da cinque anni: la 25enne, madre single di due figli, guadagna circa tre dollari al giorno per aiutare a sostenere la sua famiglia.

Dice che lavorare sul sito sta compromettendo la sua salute, ma non ha altra scelta.

"Raccolgo plastica, ma mi manca protezione in questo lavoro: mi fanno male le mani e a volte mi ammalo, giusto ora tossisco e senza questo lavoro i miei figli non mangiano", dice.

Il programma delle Nazioni Unite per l'ambiente ha avvertito che la discarica di Dandora ha rappresentato una grave minaccia per la salute di coloro che lavorano e vivono nelle vicinanze già nel 2007.

La più grande discarica del Kenya è stata aperta nel 1975 ed è stata dichiarata piena dai funzionari della sanità pubblica nel 2001. 

È ancora in uso oltre due decenni dopo, nonostante una sentenza del tribunale del 2021 ne ordinasse la chiusura entro sei mesi.

La discarica riceve oltre 2.000 tonnellate di rifiuti al giorno, rendendola il luogo di lavoro più praticabile per i raccoglitori di rifiuti per trovare plastica e altri oggetti che possono essere riciclati.

Ma gran parte dei rifiuti finisce ancora nelle strade e nelle fognature.

Ora, un'organizzazione chiamata Kibarazani Cocktail sta tentando di aiutare ad alleviare il problema.

Fondato da Kenneth Ochieng, Kibarazani Cocktail raccoglie la plastica dalle discariche e la trasforma in prodotti per la casa: i tappi delle bottiglie vengono riciclati per realizzare tende e corde.

Un gruppo di 15 volontari raccoglie la plastica dai loro quartieri o la acquista quando c'è carenza, i prodotti finiti vengono venduti con profitto.

"L'inquinamento da plastica è diventato un problema più grande nella nostra società, le persone gettavano rifiuti ovunque e queste materie plastiche hanno bloccato il nostro drenaggio e l'ambiente. 

Quindi abbiamo ideato l'iniziativa di raccogliere le bottiglie di plastica e di riciclarle in un prodotto diverso", spiega Ochieng.

Victor Boiyo è docente senior presso il dipartimento di Ambiente e Gestione delle risorse naturali presso l'Africa Nazarene University.

"I rifiuti di plastica sono una cosa seria soprattutto nei Paesi in via di sviluppo: per essere in grado di gestire efficacemente questi rifiuti dobbiamo pensare a come possiamo ridurre al meglio, come possiamo riutilizzare e come possiamo riciclare", afferma.

Il Comitato intergovernativo di negoziazione si riunirà per la sua seconda sessione dal 29 maggio al 2 giugno presso la sede dell'Unesco a Parigi.

Il suo scopo è sviluppare un accordo legalmente vincolante sull'inquinamento da plastica per terra e mare.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

Ultimi Video

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ