EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

The brief from Brussels

The brief from Brussels
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le informazioni dalla capitale d'Europa e da Strasburgo

PUBBLICITÀ

I lavoratori atipici devono preoccuparsi della loro salute e le finora piattaforme non intendevano collaborare. Adesso le cose dorebbero cambiare grazie al voto dei deputati riuniti a Strasburgo.

La stanchezza e la precarietà della vita è stata discussa a Strasburgo dagli eurodeputati. I sindacati hanno salutato la notizia. In un ufficio nel centro di Bruxelles Esther Lynch afferma che questa è una buona notizia che potrebbe cambiare radicalmente la vita di tanti lavoratori che operano per piattaforme come Uber o Deliveroo.

Esther Lynch : "Tante persone impiegate su piattaforme online hanno vissuto brutte esperienze. Per quelli che lavorano sempre con una piattaforma la risposta è sempre che il lavoratore non ha niente a che vedere con me. Dicono che dovete essere responsabili per la vostra salute e sicurezza e dovete avere la vostra bici di proprietà e il vostro mezzo di trasporto e se qualcosa vi accade... avete avuto sfortuna. Adesso invece la differenza sarà che le piattaforme saranno ritenute responsabili. Il lavoratore, la legge e gli stati membri potranno dire che il datore di lavoro di queste persone sono le piattaforme".

Per molte persone, questo non è un lavoro part time. E queste persone avrebbero bisogno della protezione legale che probabilmente arriverà con questa direttiva.

E nel video il resto dell'attualità della giornata.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Solidarietà e sconcerto: i politici dell'Ue si dividono sulla morte del presidente iraniano Raisi

Elezioni europee: cosa ne pensano i cittadini di etnia russa che voteranno a giugno

Spagna: migliaia di persone manifestano a Madrid in difesa della sanità pubblica