"Non sopporto più mia moglie", ed evade dai domiciliari

Nuovo arresto e poi condanna-beffa a Napoli: altri 8 mesi a casa
Nuovo arresto e poi condanna-beffa a Napoli: altri 8 mesi a casa
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Non sopporto più mia moglie": è la giustificazione addotta da un pregiudicato di 30 anni evaso dagli arresti domiciliari a Portici (Napoli) e arrestato nei pressi di un bar di Porta Nolana, a Napoli, dai "Baschi Verdi" del Gruppo Pronto Impiego della Guardia di Finanza. Dagli accertamenti è emerso che mancava all'appello da due giorni: ai militari ha detto di non riuscire più a sopportare la convivenza con la moglie e con i figli e di avere avvertito, pertanto, la necessità di andare a prendere un aperitivo a Napoli. L'evaso era ai domiciliari da tre mesi perché inosservante dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria: pena inflitta per una serie di condanne per reati contro il patrimonio, rapina aggravata e spaccio di sostanze stupefacenti. Nei giorni scorsi è giunta per lui la beffa: è stato nuovamente processato per direttissima e condannato ad altri otto mesi di arresti domiciliari. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria, opposizione ancora in piazza a Budapest contro Orbán

San Paolo, bagno di folla per Jair Bolsonaro: l'ex presidente respinge le accuse di golpe

Difesa: al via l'esercitazione Nato Dynamic Manta, sette sommergibili nel Mediterraneo