Il presepe di sabbia dedicato a san Francesco

Jesolo e Assisi, 14 artisti da tutto il mondo per la Natività
Jesolo e Assisi, 14 artisti da tutto il mondo per la Natività
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - JESOLO, 05 DIC - 'La predica agli uccelli', 'Il bacio del lebbroso', 'La preghiera al crocefisso', 'La rinuncia dei beni', 'Chiara e le sorelle', 'Natività': sono tra i 12 episodi più significativi della vita di San Francesco a cui è dedicato il presepe di sabbia di Jesolo di quest'anno. Per gli 800 anni dal primo presepe, voluto da Francesco d'Assisi a Greccio nel 1223, la Nativity Sand si sdoppia: a Jesolo, in piazza Brescia fino al 4 febbraio, e nella piazza inferiore a ridosso della Basilica di San Francesco, dall'8 dicembre al 7 gennaio. Giunta alla ventunesima edizione la mostra di sabbia, che ha incantato Papa Francesco, è un'opera monumentale composta da 13 sculture realizzate da 14 artisti internazionali diretti dal canadese David Ducharme e scolpite in collaborazione e in onore dei Francescani di Assisi. Dedicato alla Natività e all'ispirazione che il Santo ebbe a Greccio, il presepe di Assisi è un'opera di 8 metri di lunghezza e 4 e mezzo di altezza con elementi architettonici della città umbra, realizzato da tre scultori, il direttore artistico David Ducharme, coadiuvato da Susanne Ruseler e Ilya Filimontsev, con 240 tonnellate di sabbia provenienti dalla città veneta. La mostra di Jesolo è impreziosita da 'Il Grido', un'imponente scultura lignea dell'artista Marco Martalar, posta nell'area esterna di Jesolo Sand Nativity. L'opera, realizzata nel 2021 simboleggia il grido dei boschi martoriati dalle raffiche di vento della tempesta Vaia, che colpì l'Altopiano di Asiago nel 2018. La scultura è realizzata con gli scarti boschivi di abete rosso e di faggio e rappresenta una mano protesa verso l'alto. Dal 2002 la città di Jesolo ospita il Sand Nativity, maestosa esposizione di sculture realizzate con la sabbia dorata della località veneta dai migliori artisti provenienti da tutto il mondo. L'importanza della manifestazione e l'apprezzamento da parte del pubblico l'ha portata a essere uno dei presepi più famosi in Italia e all'estero, tanto da essere ospitato in piazza San Pietro nel Natale del 2018. Ogni anno la Natività viene dedicata a un tema che quest'anno è l'incontro. La scena della Natività di Jesolo è stata scolpita da un'artista ucraina e da uno russo, come segnale di pace e unione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco