EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ponte: Donferri, il viadotto doveva chiuderlo Morandi

Imputato, perchè i cavi erano nati già corrosi
Imputato, perchè i cavi erano nati già corrosi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 15 NOV - "L'ingegnere Morandi, se avesse voluto, lo faceva chiudere il ponte. Ma lui non ha detto nulla. I cavi sono nati già corrosi e lui lo sapeva". Lo ha detto in aula Michele Donferri Mitelli, ex numero tre di Autostrade e uno dei 58 imputati nel processo per il crollo del viadotto (14 agosto 2018, 43 vittime). Il manager ha spiegato che "i cavi secondari non servono a tenere in piedi la struttura. E i cavi primari, se il progetto fosse stato eseguito correttamente, sarebbero stati ben protetti. Ma i lavori vennero eseguiti male. E i problemi non sarebbero stati visibili a occhio nudo", ha continuato. Donferri si è avvalso della facoltà di non rispondere sull'intercettazione tra lui e l'allora numero due Paolo Berti dopo la condanna di quest'ultimo per la tragedia di Avellino, in cui morirono 40 persone. Secondo gli inquirenti in quella conversazione si comprende che in quel procedimento Berti non avrebbe detto la verità per difendere la linea aziendale contribuendo all'assoluzione dell'allora ad Giovanni Castellucci. Il manager ha letto soltanto il verbale della sua testimonianza. "Non posso sapere se ci fossero ragioni economiche da discutere né so se fosse in atto qualche forma di proposta illecita". L'imputato ha poi spiegato che i tecnici di Spea "facevano bene i controlli" e che il "problema era il management" in particolare "Galatà (uno degli imputati) non aveva più una consistenza manageriale". Donferri ha però ammesso di non avere mai guardato i report, le relazioni trimestrali "perché c'era un ufficio preposto con Di Taddeo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele, la Knesset approva una risoluzione che respinge l'istituzione di uno Stato palestinese

Le notizie del giorno | 18 luglio - Serale

Venezuela, attentato contro María Corina Machado, leader dell'opposizione e principale rivale di Maduro