EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ponte: imputato ex Aspi, crollo è stato fallimento società

Ex responsabile sicurezza, 'mi sono subito messo a disposizione'
Ex responsabile sicurezza, 'mi sono subito messo a disposizione'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 06 NOV - "Sin dal primo giorno ho vissuto il crollo del Morandi come un grosso lutto e mi sono messo a disposizione dell'autorità perché per me è stato un fallimento della società. Questo non è paragonabile al lutto e al dolore dei parenti delle vittime, ma mi sono messo a disposizione da subito". Lo ha detto in aula Mario Bergamo, ex responsabile sicurezza e manutenzioni di Aspi, uno dei 58 imputati nel processo. Fu Bergamo ad avviare il retrofitting, il rinforzo delle pile 9 e 10. "Di Taddeo (un altro imputato, ndr) mi diede rassicurazioni in termini di sicurezza. Mi disse che in base alle riflettometriche emergeva un lento trend di degrado dei cavi ma il coefficiente di sicurezza era più che doppio rispetto a quello previsto dalla norma. Mi disse che il ponte aveva una riserva di sicurezza talmente elevata che non c'era nessuna preoccupazione. E lo confermò anche davanti a Castellucci". In mattinata è stato sentito Pierluigi Ceseri, un altro degli imputati ex Aspi negli anni '90. "Fino a che c'ero io e Autostrade era pubblica tutto andava bene. Poi venne privatizzata e cambiò tutto. Io avevo lo spirito dell'uomo al servizio della cosa pubblica. Poi cambiò questo approccio e contavano solo i conti". "Sì difendeva il servizio pubblico - ha continuato -. Nel 1985 ci chiamò il presidente Sandro Pertini per farci i complimenti perché durante il grande gelo non chiudemmo l'autostrada". "Nel 1994 avevo letto alcuni articoli sulla rivista di Autostrade sui lavori al viadotto Polcevera. L'ingegnere Camomilla mi aveva parlato, mi aveva detto che era prevista una consistente manutenzione ordinaria e straordinaria. Non mi informai su come funzionassero le riflettometriche, non mi interessava. Negli anni '90 Camomilla mi parlò in generale del viadotto ma non mi disse che presentava criticità particolari". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"

Spagna: sette feriti nella festa a Pamplona, nessuno dalle corna dei tori