EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Scappa dai CC e cade in acqua, i militari lo salvano ma è grave

A Bormio ventunenne non si è fermato all'alt
A Bormio ventunenne non si è fermato all'alt
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SONDRIO, 22 OTT - Non si ferma all'alt dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tirano e fugge con l'auto, schiantandosi poi contro un albero. Abbandona la Panda e i tre amici illesi che erano con lui sull'utilitaria e al buio, sotto la pioggia incessante, tenta di scappare a piedi finendo, però, in un canale colmo d'acqua dopo una caduta di 2 metri. I militari della pattuglia del Norm di Tirano, senza esitazione, si sono buttati nel canale e hanno recuperato il ragazzo di 21 anni, residente in provincia di Sondrio, che privo di conoscenza, a pancia in giù nel fossato e in gravi condizioni, è stato trasportato d'urgenza all'ospedale Morelli di Sondalo. Grazie all'intervento degli uomini del capitano Riccardo Angeletti ha evitato di annegare, ma la prognosi resta al momento riservata. È accaduto questa notte a Bormio, in alta Valtellina. I carabinieri avevano organizzato dei servizi notturni di controllo contro il fenomeno della guida in stato d'ebrezza o sotto l'effetto di droghe e il 21enne non ha voluto fermarsi, forse proprio per evitare il test. Sul luogo del dell'incidente sono intervenuti oltre ai sanitari anche i Vigili del fuoco del distaccamento di Valdisotto. L'auto è stata posta sotto sequestro dai militari dell'Arma su disposizione della Procura di Sondrio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 19 luglio - Serale

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico