EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Anziano affida cane al rifugio per operarsi, e non può riaverlo

"Non è più suo" e lui torna tutti i giorni al canile
"Non è più suo" e lui torna tutti i giorni al canile
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MANTOVA, 21 AGO - "Ridatemi il mio cane". E' l'appello che un pensionato di 84 anni rivolge al canile di Mantova, a cui lui stesso si era rivolto per far accogliere il suo Sole, un meticcio di sei anni di grossa taglia, incrocio tra un labrador e un bracco. Lui doveva essere sottoposto ad un delicato intervento chirurgico e non sapeva più come accudire l'animale. Alla fine l'unica soluzione era il canile. Adesso che sta bene è ritornato per riprendersi Sole, ma ciò non è stato possibile: "Ha firmato una cessione di proprietà - dicono dal canile - perché non era più in grado di seguirlo. È solo, è anziano e il cane è impegnativo. L'ha già fatto cadere una volta". Franco Guernieri, residente a Bagnolo san Vito , è disperato. Ogni giorno si reca al canile nella speranza di incontrare Sole, cosa che ancora non è avvenuta: "Ridatemelo, per me è come un figlio - dice - Non è vero che non lo volevo più. Mi avevano fatto firmare frettolosamente delle carte, ma io mi ero rivolto a loro solo per un'ospitalità temporanea di Sole". Franco, fino a quando c'era la moglie, viveva in una cascina di campagna dove teneva molti cani; una volta rimasto vedovo, senza figli e parenti si era trasferito con Sole in paese a Bagnolo, a pochi chilometri da Mantova. Quando ha dovuto entrare in ospedale c'era il problema di chi si sarebbe occupato del cane: "Mi è stato consigliato di rivolgermi al canile di Mantova - spiega - e io l'ho fatto, ma sapevano benissimo che sarei tornato a prenderlo una volta che mi fossi stabilito". "È stato lui stesso a pregarci di accogliere il cane perché non era più in grado di seguirlo - è la versione del rifugio - Dell'intervento chirurgico non ci aveva detto nulla. Abbiamo acconsentito facendo anche un'eccezione perché il pensionato risiede in un comune dell'hinterland e non nel capoluogo, che è di nostra competenza. Umanamente siamo molto dispiaciuti, ma Franco sapeva ciò che stava firmando". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Uefa multa Serbia e Albania e indaga sulla Croazia: Euro 2024 riaccende le faide balcaniche

Gaza: diverse vittime in attacchi a un istituto d'assistenza e una clinica

Arabia Saudita: oltre 1.300 morti durante il pellegrinaggio Hajj alla Mecca