EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
Marie, madre disabile
Marie, madre disabile Diritti d'autore Lucía Riera / Laura Llach
Diritti d'autore Lucía Riera / Laura Llach
Diritti d'autore Lucía Riera / Laura Llach

Doppia discriminazione per le madri disabili, le sole a cui non si perdona nulla

Di Lucia Riera BosquedLaura Llach
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button

Anche se l'Europa abbandona l'eugenetica di fatto essere madre per una donna disabile è un lusso che richiede una rete di supporto non sempre disponibile

PUBBLICITÀ

Quando è nato suo figlio, Marie lo ha lasciato nella culla, lui non smetteva di piangere e lei era completamente sopraffatta. Era smarrita, non capiva cosa stesse succedendo, non sapeva come calmarlo e non sentiva alcun attaccamento al suo bambino. Il senso di colpa l'ha inghiottita. "Per i primi mesi, mio marito si è occupato di lui facendo da padre e da madre. Era lui a fargli il bagno e ad alzarsi di notte per dargli da mangiare". Questo sostegno, dice, le ha permesso di diventare madre e di imparare a percepire i bisogni del bambino.

"Il giorno in cui ha iniziato a chiamarmi mamma ho capito che ero sua madre e non un'educatrice". Marie Rabatel, 48 anni, è affetta da un disturbo dello spettro autistico, ha bisogno della pace e della tranquillità della sua casa di campagna a un'ora da Lione, nel sud-est della Francia. Vive lì con il marito e il figlio viene a trovarli nei fine settimana. Antoine ha appena compiuto 18 anni e studia fuori regione.

"Sono cresciuto molto da solo", dice il giovane. Con la madre ricoverata in un ospedale psichiatrico per cinque anni, ha trascorso molto tempo con i nonni. Quello che non poteva fare lei, lo faceva lo psicologo di Antoine. "Mi ha dato qualcuno con cui parlare", dice il giovane. Sua madre infatti spiega: "Io non sapevo cosa fosse un amico quindi lo psicologo lo ha aiutato a fare amicizia e ad aprirsi con le persone".

Antoine è stato un sostegno costante per Marie fin da quando era bambino. Era l'intermediario tra lei e gli insegnanti a scuola. E rimane un grande sostegno, quello che la capisce meglio e riesce a calmarla quando si sente sopraffatta. Anche durante la lunga intervista che abbiamo avuto a casa loro. Per lui, non c'era nulla di strano in sua madre: "È l'unica che ho avuto, quindi per me è normale. Non mi sono mai chiesto se avesse una disabilità".

È l'unica mamma che ho avuto, quindi per me è normale così, non mi sono mai chiesto se avesse una disabilità
Antoine
Figlio di Marie

"È l'ambiente che ti fa sentire disabile", aggiunge Marie. 

Marie Rabatel
Marie Rabatel con suo figlio Antoine.Marie Rabatel

Marie ha avuto la fortuna di essere circondata da una famiglia che le ha offerto un'infanzia felice e solidale, nonostante il bullismo subito a scuola. Sua sorella, di appena un anno più grande di lei, è stata un modello per i compiti più difficili per Marie. "Mia sorella mi ha aiutato molto, la imitavo per lavarmi i denti o per lavarmi, tutte le attività di routine quotidiana", racconta. "L'autismo ci rende bravi imitatori". Una virtù che l'ha aiutata anche come atleta, portandola a vincere diversi campionati nazionali di atletica.

Ha avuto il sostegno dei suoi genitori anche quando si è sposata ed è rimasta incinta di Antoine. "Erano molto felici per me. Nessuno intorno a me mi ha detto che non ce l'avrei fatta". Marie non ha mai pensato che non sarebbe stata in grado di crescere suo figlio. L'importante, dice, è fornire il necessario supporto alla genitorialità. "Ho avuto il coraggio di chiedere aiuto senza temere che mio figlio mi venisse portato via, e ho potuto beneficiare di visite regolari da parte dei servizi sociali e di appuntamenti con il pediatra, oltre che del mio parentado e agli amici, che mi venivano a trovare spesso". 

Spesso le donne disabili che vivono in strutture non godono di aiuti alla genitorialità e temono il "dopo di loro"

Tuttavia, le donne che vivono in strutture per persone con disabilità non dispongono di questi ausili. "Non abbiamo un piano per fornire supporto", ammette Rubén Parrillo, psicologo e direttore dell'istituzione Inclusión Activa.

"Lasciare alle famiglie il bel messaggio dei diritti umani senza alcun sostegno è un problema", afferma l'europarlamentare spagnola Rosa Estarás (PPE-ED). Lei ha un figlio disabile, quindi capisce come si sentono i genitori di donne con disabilità di fronte alla paura di avere una gravidanza indesiderata.

"Chi si prenderà cura di quel bambino e, quando morirò, cosa succederà?" sono alcune delle domande sempre presenti nella loro mente.

Quando Marie ha affrontato i problemi della maternità, si è sentita anche alle prese con una doppia discriminazione. "Se una madre dimentica una dose di latte, le dicono che è normale, che è sopraffatta perché è appena diventata madre, ma se lo dimentico io, danno la colpa alla mia disabilità".

Se una madre dimentica una dose di latte le dicono che è normale, che è sopraffatta perché è appena diventata madre, ma se lo dimentico io, danno la colpa alla mia disabilità
Marie
Mamma con un disturbo dello spettro autistico

Peggiore il caso delle donne sotto tutela, neanche si immagina che possano avere rapporti

Nel caso delle donne sotto tutela, la discriminazione sociale è ancora più grave. "I tutori non immaginano nemmeno che una donna disabile possa avere rapporti sessuali". Rabatel è anche presidente dell'Associazione francofona delle donne autistiche. Consapevole del lavoro svolto negli istituti per persone con disabilità, che descrive come "prigioni migliorate", denuncia che "è risaputo che queste donne subiscono più violenza sessuale, ed è il tabù più assoluto".

Nove donne autistiche su 10 sono state vittime di violenza sessuale in Francia

La sua affermazione è suffragata da cifre: secondo un rapporto di Frontiers in Behavioral Neuroscience, nove donne autistiche su dieci in Francia sono state vittime di violenza sessuale.

La stessa Rabatel è stata violentata da adolescente e soffre di un disturbo da stress post-traumatico. Gli abusi sulle donne con disabilità sono presenti nel 30% dei casi che l'ostetrica Béatrice Idiard-Chamois ha visto nella clinica in cui lavora dal 2015 presso l'Institut Mutualiste Montsouris di Parigi.

Secondo l'ostetrica, il problema sociale di base è che le persone con disabilità sono viste come persone vulnerabili, "come oggetti che possono solo subire tutto ciò che le persone vogliono fare loro". E questi abusi sono perpetrati anche dal personale medico.

Idiard-Chamois conosce bene il trattamento discriminatorio delle donne con disabilità da parte dei loro medici. Lei stessa è su una sedia a rotelle a causa di una malattia genetica. Quando ha voluto rimanere incinta di sua figlia - che ora ha 31 anni - hanno insistito perché non lo facesse a causa del rischio che il bambino ereditasse la sua malattia. Questo non è successo.

"Ti proibiscono di essere una donna e di esistere", ha pensato, quando le è stato detto che la sua gravidanza sarebbe stata "costosa per la società". "Se questa non è eugenetica, cos'è?". 

L'eugenetica è stata ampiamente praticata in tutta Europa, non solo nella Germania nazista, come sottolineato in un rapporto dell'Ispettorato generale del settore sociale in Francia. Secondo la società in cui viviamo, "non dovrei esistere nemmeno io", si lamenta l'ostetrica.

Condividi questo articolo

Notizie correlate