EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
Midwife Béatrice Idiard-Chamois in her practice at the Institute Mutualiste Montsouris in Paris.
Midwife Béatrice Idiard-Chamois in her practice at the Institute Mutualiste Montsouris in Paris. Diritti d'autore Lucía Riera/Laura Llach
Diritti d'autore Lucía Riera/Laura Llach
Diritti d'autore Lucía Riera/Laura Llach

Sterilizzazione forzata in Francia: "Impossibile garantire il consenso delle donne con disabilità"

Di Lucia Riera BosquedLaura Llach
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button

La sterilizzazione delle donne con disabilità è legale in Francia dopo la modifica della legge nel 2001: nonostante sia vietata dalla Convenzione di Istanbul, è criminalizzata solo in nove Paesi dell'Ue

PUBBLICITÀ

In una piccola clinica ginecologica di Parigi, Béatrice Idiard-Chamois, ostetrica, accoglie una nuova paziente.

È una giovane donna autistica: arriva con la madre e un'ostetrica, che lavora nell'istituto per disabili dove sta per essere ricoverata.

Chiedono che le vengano legate le tube di Falloppio, nonostante non abbia mai avuto rapporti sessuali.

Il consulto si svolge senza problemi, Idiard-Chamois esegue un esame esterno.

La donna, incapace di parlare a causa della sua disabilità, non esprime alcun disaccordo, ma Idiard-Chamois si sente turbata dalla sua collega, l'ostetrica dell'istituto in cui vive la donna, che si sorprende quando la richiesta di sterilizzazione viene rifiutata.

Anche se non è dichiarato ufficialmente, "questi istituti richiedono sempre ai residenti di assumere contraccettivi - dice Idiard-Chamois - perché evita problemi".

In più di 100 casi di cui si è occupata, le donne che vivevano in istituto stavano assumendo una qualche forma di trattamento contraccettivo.

"È l'istituzione che dà la pillola alle donne: a prescriverla è uno psichiatra, non un medico specializzato, danno la stessa pillola a tutte senza fare una visita ginecologica", dice.

Nel 2015, Idiard-Chamois ha avviato l'unica clinica in Francia specificamente dedicata alle donne con disabilità presso l'Institut Mutualiste Montsouris di Parigi.

Da allora, ha visitato più di 700 pazienti, ricevendo meno di una decina di richieste di sterilizzazione per persone con disabilità che vivono sotto tutela, "soprattutto da parte dei genitori".

Cerca sempre di dissuaderli e di offrire alternative "meno invasive e permanenti": nel caso di questa giovane donna, la madre e il tutore legale hanno accettato una di queste alternative, ma non è sempre così.

Sospettiamo che probabilmente ci siano sterilizzazioni effettuate senza un vero consenso, su richiesta delle famiglie che si accordano con il ginecologo
Catherine Rey-Quinio
consulente medica dell'Agenzia sanitaria regionale dell'Ile-de-France

La dottoressa Rey-Quinio afferma di aver ricevuto, in media, da due a quattro richieste di sterilizzazione all'anno nell'ultimo decennio, ma solo due negli ultimi quattro anni.

Entrambe hanno avuto luogo nel 2021 e hanno avuto il sostegno del Comitato regionale di esperti che valuta ogni richiesta di sterilizzazione.

Euronews ha inviato una richiesta a tutte le Agenzie sanitarie regionali francesi che non hanno condiviso i loro dati.

Le uniche statistiche ufficiali raccolte a livello nazionale risalgono al 1998: secondo un rapporto dell'Ispettorato generale francese del settore sociale, ogni anno circa 500 donne con disabilità vengono sottoposte con la forza alla legatura delle tube.

È possibile garantire il consenso?

"È chiaro: se una donna dice no, è no", dice Didier Seban: l'avvocato, che lavora presso lo studio Seban Avocats, sottolinea che la parte più importante della legge è garantire il consenso delle donne con disabilità.

Il giudice deve assicurarsi che la persona sotto tutela abbia compreso il processo e sia d'accordo.

Ma quanto è facile garantire il consenso, soprattutto quando la disabilità della donna rende difficile la sua espressione orale?

PUBBLICITÀ

È a questo punto che possono verificarsi degli abusi.

Dobbiamo essere realistici, quando la disabilità mentale è grave le donne non capiscono quello che diciamo, non parlano, a volte si muovono anche poco
Ghada Hatem
capo ginecologa alla Maison des Femmes di Saint Denis

"Sappiamo bene che talvolta non possono avere voce in capitolo - aggiunge la dottoressa Hatem, che lavora anche per il Comitato di esperti che valuta ogni petizione di sterilizzazione - per questo chiediamo ai genitori o ai tutori, quando ci sembra ragionevole".

Sebbene il parere del comitato - composto da ginecologi, psichiatri e organizzazioni - non sia vincolante, Hatem afferma che il giudice non si oppone quasi mai al loro parere.

Prima della sterilizzazione, gli esperti debbono accertarsi che sia possibile adottare qualsiasi altro metodo contraccettivo, tuttavia la ginecologa respinge questa argomentazione.

"Che senso avrebbe fare qualcosa che non è irreversibile? Se sapessimo che tra cinque anni la sua disabilità sarebbe guarita e sarebbe in grado di prendersi cura del suo bambino in modo indipendente, è un conto.

PUBBLICITÀ

Ma questo non è vero, quindi che senso ha scegliere qualcosa che deve essere rinnovato periodicamente?", sostiene.

"Non possiamo sognare - concorda la dottoressa Rey-Quinio, che coordina il comitato di esperti dell'Ile-de-France da Parigi - la decisione medica in questi casi si basa su quello che consideriamo il rapporto rischio/beneficio dell'intervento per il paziente".

Ecco quanto è successo nel 2016 a una delle pazienti di Idiard-Chamois: il ginecologo che lavorava con l'ostetrica ha firmato la raccomandazione per il giudice di sterilizzare una ragazza, che non era in grado di esprimere la propria volontà.

Si tratta dell'unica richiesta di sterilizzazione accettata dall'apertura della clinica: l'ostetrica dice di non essere stata d'accordo e di non aver firmato.

"La paziente era una giovane donna, per la quale l'impianto contraccettivo non aveva funzionato e la madre continuava a tormentarci perché firmassimo l'autorizzazione", ricorda, infastidita dal fatto di non aver potuto chiedere il consenso della paziente.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articolo

Notizie correlate