EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Impagnatiello, unica forma di pentimento è togliermi la vita

Il messaggio due giorni prima dell'omicidio. Lei: 'Chiudiamo'
Il messaggio due giorni prima dell'omicidio. Lei: 'Chiudiamo'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 02 GIU - "L'unica forma di pentimento che abbia un senso è togliermi la vita". Sono le parole che ha ripetuto Alessandro Impagnatiello al suo legale dopo aver confessato l'omicidio di Giulia Tramontano. Parole che oggi il legale, l'avvocato Sebastiano Sartori, ha riferito al termine dell'interrogatorio di convalida del fermo nel quale il 30enne ha confessato l'omicidio "aggiungendo particolari che riguardano l'ultima fase dell'accoltellamento". Il barman "ha negato la premeditazione e ha detto che ha fatto tutto da solo", ha conluso l'avvocato. L'interrogatorio di Impagnatiello è durato meno di un'ora, giusto il tempo di confermare quanto ha confessato, aggiungendo particolari dell'omicidio. Il difensore ha negato che il suo assistito sabato sera, quando ha ucciso Giulia, fosse sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. L'avvocato ha inoltre spiegato che al momento non ha chiesto alcun trasferimento del 30enne in qualche struttura psichiatrica o sanitaria in quanto Impagnatiello "può stare in carcere' ma che ha intenzione di "approfondire alcuni aspetti". E alla domanda se abbia timore di qualche gesto inconsulto, ha risposto "sono sereno, sono bravi e hanno trovato una giusta soluzione", riferendosi alle condizioni di detenzione. Il giudice dovrebbe decidere in giornata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu al Congresso Usa: "Guerra a Hamas fino alla vittoria totale"

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"