Calcio in faccia a ragazzo fermato, nuovo caso a Livorno

Giovane bloccato in strada dopo una rapina, video è virale
Giovane bloccato in strada dopo una rapina, video è virale
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - LIVORNO, 25 MAG - Un calcio in faccia ad un giovane già fermato e in terra. Un nuovo caso simile a quello di Milano, questa volta a Livorno, immortalato in un video diventato virale mostra un fermo in strada operato da due carabinieri: uno dei due sferra un calcio in faccia al ragazzo già bloccato dal collega. I due carabinieri ripetono al giovane più volte la parola 'Fermo' mentre è a terra. Il giovane, mentre viene ammanettato e un militare lo tiene per il collo, urla: "mi fa male la gamba". E poi: "La gente mi guarda, così mi fanno le foto". L'Arma ha trasferito il militare ad un "incarico non operativo". L'intervento di una pattuglia risale a ieri, mercoledì, pomeriggio nella zona di viale Petrarca per una rapina impropria che il ragazzo, spiegano gli investigatori, aveva appena compiuto in un supermercato. Ora il giovane è in stato di arresto per rapina impropria e resistenza a pubblico ufficiale in attesa dell'udienza di convalida. E' stato un vigilante a accorgersi che aveva preso materiale elettronico e non aveva pagato alle casse. Il giovane è fuggito ma la pattuglia lo ha individuato in base alla descrizione dei testimoni. Rggiunto da uno dei due militari, prosegue la ricostruzione, il ragazzo ha continuato ad opporsi con veemenza al tentativo di arresto, colpendo anche il carabiniere che nel frattempo aveva richiesto l'intervento del compagno di pattuglia, quello che ha tirato il calcio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia