Ergastolo ostativo, Pg Cassazione 'non si torni a Consulta'

Cassazione conferma pena di un anno e sei mesi, niente sconti
Cassazione conferma pena di un anno e sei mesi, niente sconti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 06 MAR - Con la modifica delle norme sull'ergastolo ostativo, la mancata collaborazione non costituisce più un fattore preclusivo alla liberazione condizionale, in presenza dei requisiti della durata della pena espiata e del "sicuro ravvedimento", che, in relazione ai condannati all'ergastolo per reati ostativi, comporta anche "una attiva partecipazione al percorso rieducativo" e la "mancanza attuale" di "collegamenti" con i clan, e con il "contesto" nel quale il reato è stato commesso. Per questo la Procura della Cassazione, rappresentata da Pietro Gaeta e Giuseppe Riccardi - non ritiene necessario che la questione ergastolo ostativo - della quale si torna a discutere nell'udienza fissata per l'8 marzo - torni alla Consulta. Di contrario avviso, invece, l'avvocatessa Giovanna Araniti che per Salvatore Pezzino in carcere da 30 anni chiede la fine dell'ergastolo ostativo, anche in mancanza di collaborazione, e l'invio delle nuove norme alla Consulta in quanto a suo avviso sono "fumose" e hanno realizzato una riforma solo "di facciata". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudan, un anno di guerra: donatori a Parigi, Germania promette milioni di aiuti

Le notizie del giorno | 15 aprile - Serale

Portogallo, i giovani votano destra: il peso del partito Chega! verso le elezioni europee