EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Violenze in carcere: vittima al gup, picchiato per 20 giorni

La storia emersa durante il processo in abbreviato di due agenti
La storia emersa durante il processo in abbreviato di due agenti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 14 FEB - Entrato il dieci marzo al carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) proveniente dal penitenziario di Velletri dove c'era stata una protesta per il Covid appena esploso, fu immediatamente picchiato, subendo pestaggi per giorni, fino al successivo sei aprile, quando avvenne "l'orribile mattanza" come il giudice per le indagini preliminari definì le violenze durante le quali circa 300 agenti penitenziari pestarono oltre duecento detenuti del carcere casertano per punirli della protesta del giorno prima. La sua storia personale è emersa nel processo a carico degli unici due agenti penitenziari del carcere di Santa Maria Capua Vetere che hanno il rito abbreviato e per i quali oggi la Procura ha chiesto le prime condanne: sei anni di reclusione per l'agente Angelo Di Costanzo e tre anni e otto mesi per l'agente Vittorio Vinciguerra. Il 30enne marocchino Fakhri Marouane (difeso dall'avvocato Lucio Marziale) è stato probabilmente il primo detenuto punito "in modo esemplare" a Santa Maria Capua Vetere per le proteste anti-Covid che tra marzo e aprile 2023 scoppiarono un po' in tutte le carceri italiane, facendo registrare anche dei morti. Fakhri si è costituito parte civile sia in questo procedimento che nel processo ordinario a carico dei 105 tra agenti penitenziari, funzionari del Dap (Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) e medici dell'Asl. Ma proprio nelle udienze dell'abbreviato ha raccontato di ciò che ha subito dal dieci marzo 2020 al sei aprile al carcere casertano, fatti che ancora destano in lui un reale terrore; dopo la "mattanza", il 30enne fu trasferito al carcere di Pescara, e lì ha fatto un percorso rieducativo concreto, diplomandosi e ottenendo la semilibertà. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, inaugurato il museo di Banksy a New York: la più grande collezione di murales dell'artista

L'Estonia teme operazioni ibride russe: in aumento i casi di spionaggio e guerra elettronica

Georgia: la Commissione di Venezia boccia la legge russa, minaccia la libertà di espressione