EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Sos neve,bimbo nasce in casa,ostetrica guida parto dal 118

Nel Senese grande nevicata ostacola i collegamenti
Nel Senese grande nevicata ostacola i collegamenti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SIENA, 23 GEN - A causa della neve una coppia ha dovuto far nascere il proprio bambino in casa, guidati dall'ostetrica collegata via telefono. È successo a San Quirico d'Orcia (Siena) dopo la forte nevicata che si è abbattuta per tutta la mattina nel Senese. I due genitori guidati dalla dottoressa Leila Teodorani della Centrale operativa Siena-Grosseto del 118, hanno gestito in autonomia il parto. L'ambulanza, per i disagi creati alla viabilità dalla nevicata, è arrivata ma solo a nascita già avvenuta, col bimbo in ipotermia per il gran freddo della giornata, nonostante la casa fosse adeguatamente riscaldata. Arrivati sul posto, il medico Luca Berti e i sanitari dipendenti della Misericordia di Montalcino Alessio Marconi e Angelo Bonacchi hanno immediatamente proceduto al trasporto di mamma e figlio all'ospedale Le Scotte di Siena. È stato proprio l'equipaggio dell'ambulanza a tagliare il cordone ombelicale. Attualmente ricoverati nel reparto di Ostetricia dell'ospedale di Siena, mamma e bambino stanno bene. Tra San Quirico e Siena ci sono 40 km da fare sulla statale Cassia, con asfalto libero dalla neve, ma difficile per l'ambulanza è stato uscire da Montalcino e raggiungere San Quirico a circa 15 km molto innevati. I due abitati hanno subito oggi gravi disagi per la neve. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Francia, lo scenario di un governo di minoranza del Rassemblement National

Le notizie del giorno | 24 giugno - Serale

Aborto, le donne brasiliane scendono in strada contro proposta di legge "criminalizzante"