Aborto: in mille al corteo di Milano, vogliamo tutele

Cori contro Giorgia Meloni 'basta mettere mano sui nostri corpi'
Cori contro Giorgia Meloni 'basta mettere mano sui nostri corpi'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 28 SET - "Aborto libero sicuro e diritti. Molto di più di 194". E' lo scritta nera sullo striscione rosa che ha aperto il corteo della manifestazione organizzata stasera a Milano da 'Non una di meno' per la Giornata internazionale per l'aborto sicuro. Circa un migliaio le persone che hanno partecipato al corteo partito da piazza Duca d'Aosta e che sta attraversando la città fra cartelli e slogan espliciti: "Basta consigli, vogliamo tutele", "Né Stato né Dio sul corpo mio", "Basta mettere mano sui nostri corpi, non siamo vostre", "Il corpo è mio, decido io", "La donna partigiana ce lo ha insegnato, lottare per l'aborto non è reato". Durante il corteo, sfilato sotto il controllo della polizia di Stato e degli agenti della Polizia locale, scanditi anche cori contro Giorgia Meloni. Non a caso l'associazione 'Libera di abortire' aveva promosso la manifestazione sui social con lo slogan "Io non sono Giorgia. Sul mio utero decido io". Lo slogan di 'Non una di meno' era invece "Bell3 ciao! Pront3? Furios3?". Utilizzati anche fumogeni rosa, ma non si sono registrati momenti di tensione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, Kiev teme un tentativo di sfondamento più ampio nell'estate del 2024

Ungheria, ecco le norme sull'immigrazione più severe d'Europa

Repubblica Democratica del Congo: preoccupa l'inquinamento da estrazione petrolifera