EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ucraina: card. Parolin, inviare armi è risposta debole

'Negoziato possibile solo senza precondizioni'
'Negoziato possibile solo senza precondizioni'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CITTÀ DEL VATICANO, 29 APR - "Abbandonare lo schema di guerra e assumere lo schema di pace significa rafforzare la partecipazione agli organismi internazionali e anche ritrovare una maggiore capacità di iniziativa europea. Quella in corso in Ucraina è una guerra tremenda nel cuore dell'Europa e dell'Europa cristiana. Non entro nel merito delle decisioni che i Paesi hanno preso per l'invio di armi all'Ucraina, che come nazione ha diritto a difendersi dall'invasione subìta. Dico soltanto che limitarsi alle armi rappresenta una risposta debole". Lo dice il segretario di stato vaticano, card. Pietro Parolin per il quale occorre "arrivare a una soluzione negoziata". Per Parolin un negoziato è possibile solo "senza precondizioni", "il mio è un auspicio affinché si abbandonino le rigidità e si mostri quella flessibilità che sola può portare a negoziare una pace giusta, duratura, resistente. Precondizioni rigide non possono portare a nessuna conclusione, spero ci sia la volontà di questa flessibilità". Il Segretario di Stato vaticano si è detto "pessimista" sul negoziato, ribadendo che tuttavia "dobbiamo insistere su questo altrimenti la guerra continuerà a divorare i figli dell'Ucraina". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 13 giugno - Serale

Il giornalista Usa Evan Gershkovich sarà processato in Russia con l'accusa di spionaggio

Presunto attacco degli Houthi contro una nave diretta a Venezia: fuoco a bordo