Ucraina: apre sportello per l'Unità di crisi a Cagliari

Messi a disposizione locali per organizzazione aiuti e supporto
Messi a disposizione locali per organizzazione aiuti e supporto
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CAGLIARI, 02 MAR - A seguito della richiesta del Console Onorario Ucraino a Cagliari Anthony Grande, la giunta comunale ha deliberato l'attivazione di uno sportello per l'Unità di crisi per la guerra in Ucraina. La decisione è quella di supportare la popolazione ucraina offrendo alla stessa ogni forma di sostegno e vicinanza "in quello spirito di accoglienza e solidarietà che ha sempre contraddistinto la popolazione sarda, memore anche di un tempo di guerra che è ancora vivo e presente in tanti cittadini della nostra terra, Sono stati messi a disposizione i locali di via Santa Margherita 51, per attivare uno sportello per lo svolgimento delle attività segretariali finalizzate all'organizzazione degli aiuti e supporto alla popolazione ucraina. Fra qualche giorno verrà inoltre messo a disposizione anche il gazebo della Piazza Ingrao quale punto d'appoggio per lo smistamento delle informazioni. Il Consolato ha accolto con molta commozione e riconoscenza l'aiuto del Comune di Cagliari che ha rinnovato ampia disponibilità a mettere in campo ulteriori azioni in base alle necessità che emergeranno. Alla consegna delle chiavi dei locali erano presenti rappresentanti dell'amministrazione comunale, dell'Unità di crisi, del Consolato e volontari ucraini che collaboreranno con l'organizzazione. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: l'Unrwa cessa le attività nel nord della Striscia, rifiutato il piano di Netanyahu

Ucraina: Meloni e von der Leyen a Kiev per il G7, il primo sotto la presidenza dell'Italia

Nuove sanzioni a Mosca dopo la morte di Navalny: colpite aziende cinesi, indiane e turche