Ucraina: Leopoli grande centro d'accoglienza per i profughi

Testimonianza di Iryna, dopo 17 anni a Cagliari rientrata a Lviv
Testimonianza di Iryna, dopo 17 anni a Cagliari rientrata a Lviv
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(di Fabrizio Fois) (ANSA) - CAGLIARI, 01 MAR - "Qui da noi a Leopoli la situazione è abbastanza tranquilla. La città è diventata un grande centro di accoglienza e siamo in tanti impegnati su questo fronte: le nostre giornate iniziano però con le telefonate ai nostri amici e parenti a Kiev e in altre città sotto assedio per sapere se stanno tutti bene e per capire come hanno passato la notte. Poi riprendiamo a fare i volontari nei centri profughi". E' la testimonianza di Iryna, agente immobiliare ucraina che dopo 17 passati a lavorare a Cagliari è tornata a Lviv (Leopoli), nel suo Paese, oggi scosso dalla guerra. "Il confine con la Polonia dista solo un'ora e mezza di auto ma in questi giorni per arrivarci ci vogliono anche 48 ore - racconta all'ANSA con la voce spezzata dalla commozione - siamo diventati nostro malgrado punto di ritrovo e partenza e di fronte al caos totale ci siamo organizzati abbastanza bene, aprendo centri di accoglienza in diverse zone della città, nelle scuole, negli asili e anche in alcuni appartamenti messi a disposizione, con una gestione coordinata dal nostro sindaco". Secondo il Dipartimento regionale occidentale del servizio di guardia di frontiera dell'Ucraina-confine occidentale, alle 12 di oggi nei diversi varchi verso la Polonia si registravano code vedevano di circa 2.500 mezzi e oltre 300 pedoni, diventati alle 15 rispettivamente 3.450 e 450. Iryna ricostruisce con orgoglio la grande mobilitazione civica messa in piedi spontaneamente dai cittadini di Leopoli: persone che stanno aiutando mettendo a disposizione prodotti alimentari o coperte, imprenditori hanno dato attrezzature e apparecchiature, mentre "i maschi assicurano la vigilanza della città". "Le sirene hanno suonato i primi tre giorni dell'attacco e ora la situazione è abbastanza tranquilla ma sta cambiando ogni ora - fa sapere la volontaria - Oggi alcuni negozi e farmacie sono aperte, ma servono medicinali e cibo in scatola. Le ferrovie hanno messo a disposizione treni gratis e sappiamo che la strada verso la Polonia è sicura: ci sono molti posti di blocco presidiati". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev, colpita una nave russa della flotta del Mar Nero in Crimea, Mosca nega

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese