Inchiesta su lavori Comune Cosenza, assolti i 10 imputati

'Il fatto non sussiste' per funzionari Ente e imprenditori
'Il fatto non sussiste' per funzionari Ente e imprenditori
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - COSENZA, 28 GEN - Si è chiuso con l'assoluzione di tutti gli imputati, il processo sui cosiddetti "appalti spezzatino" attraverso i quali il Comune di Cosenza, durante l'Amministrazione guidata dall'ex sindaco Mario Occhiuto, secondo l'accusa, non superando la soglia prevista per gli affidamenti di lavori e servizi d'interesse comunale, avrebbe affidato alcuni servizi. I giudici del Tribunale cosentino hanno assolto "perché il fatto non sussiste", i dirigenti del Comune Carlo Pecoraro e Michele Fernandez; gli imprenditori Antonio Amato, Giuseppe Sasso, Pasquale Perri, Francesca Filice, Francesco Rubino e Francesco Amendola; Antonio Scarpelli, responsabile della ditta Medlabor, e Arturo Mario Bartucci, dirigente e responsabile unico del procedimento del Comune di Cosenza. I capi di imputazione erano 25 e le persone che erano state rinviate a giudizio erano accusate, a vario titolo, di corruzione, falso e abuso d'ufficio. Tra gli appalti finiti nel mirino degli inquirenti anche quelli relativi al canile e alle luminarie natalizie. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iran a Israele: "Se ci attaccate, utilizzeremo un'arma mai usata prima"

Consiglio d'Europa: primo sì all'adesione del Kosovo. La condanna della Serbia

Le notizie del giorno | 17 aprile - Mattino