This content is not available in your region

Bielorussia: SviatlanaTsikhanouskaya chiede all'Europa di avere coraggio

Access to the comments Commenti
Di Pedro Sacadura
euronews_icons_loading
Bielorussia: SviatlanaTsikhanouskaya chiede all'Europa di avere coraggio
Diritti d'autore  Alain ROLLAND/ European Union 2021 - Source : EP

Fatti, non parole, li chiede la leader dell'opposizione bielorussa Sviatlana Tsikhanouskaya che si è rivolta agli eurodeputati riuniti in sessione plenaria a Strasburgo. La donna ha chiesto all'Europa di essere più proattiva e non lasciarsi dettare l'agenda da Minsk e dal satrapo Aleksandr Lukashenko.

SviatlanaTsikhanousskaya, leader dell'opposizione bielorussa: "Dovete mantenere la coerenza nelle sanzioni e nelle politiche. Nell'assistere il popolo bielorusso. Siate più coraggiosi, come lo sono i bielorussi. Non abbiate paura di prendere decisioni forti perché è il momento giusto per esse. (...) Ci sono ancora molte aziende in Europa che stanno collaborando con il regime. Non siate governati dal denaro nella vostra politica. Siate governati dai valori".

In un'intervista a Euronews, Tsikhanouskaya ha anche sottolineato che non ci si può fidare dell'apparente mossa di Minsk per ridurre l'escalation della crisi.

Questo è anche il momento di continuare con gli aiuti umanitari.

Continua SviatlanaTsikhanousskaya: "Lukashenko e il suo regime non vogliono aiutare queste persone. Vogliono solo usarle. Forse non credevano neppre che quel ricatto avrebbe funzionato. Anche Lukashenko è messo alle strette. Adesso bisogna inviare una missione umanitaria. E questo è il momento in cui sono sicura che il regime lo accetterà perché anche loro vogliono risolvere questo problema, ma non hanno soldi per farlo".

Il presidente bielorusso ha affermato che è "assolutamente plaisibile" che le sue forze abbiano aiutato gli attraversamenti dei migranti ...ma ha negato che la cosa fosse un progetto studiato a tavolino. per Bruxelles per`ò la provocazione resta: trovare un equilibrio tra la protezione delle frontiere esterne del continente ed evitare un peggioramento della crisi umanitaria.