EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

70 anni fa alluvione Polesine,mostre ed eventi per ricordare

14 novembre '51 Po ruppe argini a Occhiobello,un centinaio morti
14 novembre '51 Po ruppe argini a Occhiobello,un centinaio morti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENEZIA, 13 NOV - Fu la 'madre' delle catastrofi italiane la grande alluvione del '51 in Polesine, che il 14 novembre di 70 anni fa, con la rotta del Po a Malcantone di Occhiobello, travolse due terzi del territorio rodigino, provocando 100 morti, oltre alla distruzione di 700 case, e 200mila senzatetto. Il ricordo della tragedia - il cui simbolo resta il 'camion della morte' , inghiottito dall'acqua a Frassinelle, nel quale persero 84 fuggiaschi - rivive in questi giorni in tante iniziative culturali che riportano alla luce fotografie e testimonianze, ma danno conto anche del grande lavoro con provincia Polesana riuscì a rialzarsi. All'Accademia dei Concordi rdi Rovigo oggi si è aperrta una mostra dedicata alle mappe storiche raffiguranti il "Governo delle acque in Polesine fra XVI e XVIII secolo"., mentre la prossima settimana (venerdì) gli spazi del Museo di Grandi fiumi a Rovigo si apriranno per ospitare una rassegna fotografica sui maggiori interventi svolti in quest decessi sul territorio dall'Agenzia Interregionale per il Po (Aipo), con un seminario che farà il punto sulla sicurezza idraulica. E' già in corso a Palazzo Roncale a Rovigo, e rimarrà aperta fino al 31 gennaio, invece l'interessante mostra fotografica "70 anni dopo. La Grande Alluvione". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Francia, lo scenario di un governo di minoranza del Rassemblement National

Le notizie del giorno | 24 giugno - Serale

Aborto, le donne brasiliane scendono in strada contro proposta di legge "criminalizzante"