EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Arresti per usura, anche a invalido per funerale madre

Operazione Hirudo, sanguisuga, polizia e guardia finanza Terni
Operazione Hirudo, sanguisuga, polizia e guardia finanza Terni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TERNI, 03 NOV - C'è anche un pensionato invalido, costretto a chiedere un prestito per pagare il costo (3 mila euro) del funerale della madre, tra le presunte vittime di nove episodi di usura, avvenuti tra il 2018 e l'aprile scorso, contestati da polizia e guardia di finanza a cinque persone arrestate oggi tra Terni e Roma nell'ambito dell'indagine ribattezzata "Hirudo" (dal latino sanguisuga). In carcere sono finiti un trentunenne di Terni e un cinquantaseienne di Roma, mentre ai domiciliari si trovano una sessantacinquenne e un quarantanovenne, ternani, e un cinquantacinquenne, anche lui residente nella capitale, fratello dell'altro romano. Secondo quanto riferito nel corso di una conferenza stampa dagli inquirenti, i primi due avrebbero ideato e progettato il sistema usurario, fungendo di fatto "da banca", nonostante i propri profili economici apparentemente irrisori o da nullatenenti. La donna, di professione consulente amministrativa, avrebbe invece avuto il ruolo di intermediaria tra gli stessi e vittime. Alcune di loro sarebbero state invitate a fare investimenti in aste di gioielli per le quali si prospettavano guadagni rapidi e proficui, ma quando le operazioni non andavano a buon fine, le vittime erano costrette a tentare di recuperare il capitale investito ricorrendo agli usurai. Un paio di imprenditori - è emerso sempre dall'indagine - hanno invece chiesto dei prestiti per far fronte ad una crisi di liquidità e sono stati poi costretti a versare rate settimanali o mensili. "Gli arrestati non guardavano né al cuore né al portafoglio delle persone strozzate" ha detto il procuratore capo di Terni, Alberto Liguori. Il questore Bruno Failla e il comandante provinciale della guardia di finanza, Livio Petralia, hanno evidenziato la "collaborazione" nel far emergere, in un periodo di particolare crisi per famiglie e imprese, "un fenomeno così gravoso". Sono state in tutto 1.400 le operazioni passate al setaccio, per un giro d'affari totale di circa un milione 600 mila euro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: il sondaggio di Euronews, possibile nascita di un gruppo populista di sinistra

Elezioni europee: in Grecia per la prima volta il voto per corrispondenza

Le notizie del giorno | 28 maggio - Serale