Una figurina e un torneo per ricordare Federico Aldrovandi

Domani in occasione del 16/o anniversario della sua morte
Domani in occasione del 16/o anniversario della sua morte
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 24 SET - Una figurina di calcio legata al ricordo di Federico Aldrovandi. È la nuova iniziativa che la Curva Ovest della Spal presenterà domani, 25 settembre, nel giorno del 16/o anniversario della morte del giovane che risale al 2005, quando morì durante un controllo di Polizia. Un momento - in programma alle 11 ai Giardini del Grattacielo a Ferrara, che vedrà coinvolte anche le autorità cittadine. Successivamente comincerà il 'Torneo Federico Aldrovandi' nel nuovo campo sportivo realizzato nel Parco Coletta (giardini del Grattacielo): la manifestazione è organizzata dalle associazioni Officina Meca, Contrarock e Uisp Ferrara. "È una iniziativa importante e significativa - ha sottolineato l'assessore allo Sport, Andrea Maggi - ospitata in un luogo riqualificato della città, aperto alle attività delle associazioni sportive e culturali grazie al progetto 'Giardino per Tutti'. Ci fa piacere come amministrazione comunale ospitare un evento che richiama una vicenda ancora viva nella memoria dei ferraresi". A maggio 2019 si è tenuto, nel campo sportivo dell'Ugo Costa in viale Krasnodar, il primo torneo delle associazioni 'Trofeo Federico Aldrovandi'. In quell'occasione il torneo fu interrotto dal maltempo e mai recuperato. Contrarock e Uisp ripropongono il torneo, questa volta di calcetto, nel campo, recentemente inaugurato, del Parco Coletta. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia