Mafia: pugno a bimbo di 6 anni per punire pusher, 8 arresti

Calcio a compagna incinta, in carcere affiliati clan Bari
Calcio a compagna incinta, in carcere affiliati clan Bari
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 18 SET - Avrebbero picchiato uno spacciatore, poi diventato collaboratore di giustizia, per punirlo perché aveva venduto droga nel territorio del clan e, durante il pestaggio, avrebbero colpito con un violento pugno al volto un bambino di sei anni, figlio della compagna all'ottavo mese di gravidanza del pusher, a sua volta aggredita con un calcio. Da questo episodio del 26 giugno 2019 è partita l'indagine congiunta di Polizia e Carabinieri di Bari che ha portato oggi all'arresto di otto pregiudicati del clan mafioso Strisciuglio; una nona persona, sfuggita alla cattura, è ricercata. In carcere sono finiti il 36enne Andrea De Giglio, il 22enne Tommaso Piscopo, il 36enne Giovanni Sgaramella, il 53nne Giuseppe Caizzi, il 39enne Massimo Lorenzani, il 35enne Giuseppe Franco, il 38enne Emanuele Sebastiano, il 23enne Saverio Carchedi. Agli indagati la Dda di Bari contesta i reati, tutti con aggravante mafiosa, di tentato sequestro di persona, lesioni personali aggravate, tentato omicidio aggravato, detenzione e porto illegali di armi da fuoco, ricettazione e induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee, l'appello di Metsola: "Andate a votare, o altri decideranno per voi"

Mar Rosso: fregata di Aspides apre il fuoco contro due droni, il comandante "ampliare missione"

Parigi: crollano le pale dell'iconico Moulin Rouge, nessun ferito