ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ursula von der Leyen illustra il futuro dell'Europa nel suo discorso sullo Stato dell'Unione

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Ursula von der Leyen illustra il futuro dell'Europa nel suo discorso sullo Stato dell'Unione
Diritti d'autore  Yves Herman/REUTERS
Dimensioni di testo Aa Aa

Il discorso annuale della presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, è stato un momento per riflettere sull'anno passato e guardare avanti al prossimo. A partire dai successi del Team Europe, ha sottolineato i successi nella corsa ai vaccini. Con il 70 per cento di adulti vaccinati, 700 milioni di dosi di vaccino consegnate agli europei, e 700 milioni in più nel resto del mondo.

Ursula von de Leyen presidente Commissione Europea: "Abbiamo dato retta alla scienza, l'abbiamo offerta all'Europa, e al resto del mondo e l'abbiamo fatto nel modo giusto, perché l'abbiamo fatto nel modo europeo, e penso che abbia funzionato".

Guardando al futuro von der Leyen ha delineato nuove proposte -

- rafforzare la capacità dell'Europa di combattere le pandemie con un nuovo organismo - HERA

- rendere l'Europa un leader tecnologico - con un nuovo documento lo European Chips Act

Ursula von de Leyen presidente Commissione Europea: "In questo momento dipendiamo dai chip prodotti in Asia... Quindi uniamo i nostri sforzi per migliorare questa situazione".

Il Green Deal è una delle questioni più spinose

L'ambizione di Bruxelles è di diventare un continente climaticamente neutro, ma questo richiede volontà politica e denaro.

Ursula von de Leyen presidente Commissione Europea: "Faremo in modo che una maggiore ambizione climatica sia accompagnata da una maggiore ambizione sociale, perché questa deve essere una transizione equa. Ed è per questo che abbiamo proposto il nuovo fondo sociale per il clima per contrastare la povertà energetica, di cui soffrono già 34 milioni di europei".

Affinché una qualsiasi di queste promesse diventi realtà, von der Leyen ha bisogno del sostegno del parlamento, così come dei leader europei. Al di là dei grandi discorsi, il duro lavoro avverrà a porte chiuse a Bruxelles e nelle capitali europee per arrivare a un compromesso su ciò che riserva il futuro dell'Europa.