This content is not available in your region

Morto durante rissa: 20enne confessa, guardava nostre donne

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Il giovane fermato,'sono andato via, non pensavo fosse morto'
Il giovane fermato,'sono andato via, non pensavo fosse morto'

(ANSA) – BARI, 05 SET – “Mentre stazionavamo sulle panche
sotto il gazebo con le nostre mogli” Caprio “si è avvicinato per
origliare cosa stessimo dicendo e ha guardato in maniera
provocatoria le nostre compagne. Notata questa circostanza, io
mi sono alzato, gli ho detto testualmente ‘sempre avanti e
dietro devi andare? Qual è il problema?’, così dicendo gli ho
tirato tre pugni colpendolo al viso, l’ho visto cadere in terra
e sbattere la testa sul marciapiede. Non pensando che sarebbe
morto sono andato via”. E’ il racconto fatto ai carabinieri e al
magistrato dal 20enne Fabio Giampalmo, sottoposto a fermo per
l’omicidio volontario aggravato del 40enne Paolo Caprio, morto
nella notte durante un litigio in una stazione di servizio alla
periferia di Bitonto, nel Barese. La confessione del 20enne è riportata nel decreto di fermo
notificato all’indagato, difeso dall’avvocato Nicola Capaldi.
Giampalmo ha raccontato di aver notato la vittima – che
conosceva di vista – parlare con la sua compagna e con quelle
dei suoi amici, mentre gli uomini erano all’interno del bar
giocando alle slot machine. A quel punto il 20enne sarebbe
uscito e, dopo l’ennesimo sguardo non gradito, avrebbe colpito
Caprio lasciandolo a terra, per poi allontanarsi in auto. Alcune
ore dopo aver saputo che il 40enne aggredito era morto, ha
contattato l’avvocato e si consegnato in caserma. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.