EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Rissa all'alba con accoltellamento,feriti due Cc intervenuti

Fuori discoteca Marotta di Mondolfo (Pesaro Urbino). 4 arresti
Fuori discoteca Marotta di Mondolfo (Pesaro Urbino). 4 arresti
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MAROTTA, 07 AGO - Rissa all'alba all'esterno della discoteca Miu discodinner di Marotta di Mondolfo (Pesaro Urbino), dove centinaia di giovani, ubriachi e molti armati di bastoni e coltelli, si sono fronteggiati senza esclusione di colpi. Un ragazzo del Senegal è stato accoltellato all'addome ed è in condizioni molto. Lo stanno operando in questo momento all'ospedale di Pesaro. Due carabinieri del Norm di Fano intervenuti per sedare la rissa sono stati picchiati con lesioni giudicate guaribili in 15 e 20 giorni, altri giovani sono rimasti feriti in maniera meno grave. Malgrado le botte e il sanguinamento, i due carabinieri sono riusciti ad arrestare l'accoltellatore, un albanese, e altre tre persone (un altro albanese, un colombiano e un senegalese), tutti presi in consegna da pattuglie arrivate nel frattempo sul posto. L'auto della prima è stata presa di mira da bottigliate a colpi di mazza e gravemente danneggiata. Molti video girati da presenti testimoniano la notevole violenza dell'aggressione. Agli arrestati vengono contestati addebiti di rissa, lesioni, resistenza e danneggiamenti mentre l'accoltellatore risponde soprattutto di tentato omicidio. Il sindaco Nicola Barbieri parla di "violenza inaudita che va condannata e contrastata". Il Miu disco dinner era già stato sanzionato tre volte e chiuso due volte per cinque giorni, in precedenza. L'Unarma Marche, associazione sindacale dei carabinieri, condanna l'ennesimo "fatto gravissimo". Per i militari feriti problemi di lussazione, traumi cranici ed escoriazioni: "basta sacrificare operatori in divisa, - attacca Unarma - spesso costretti ad operare da soli nei weekend estivi senza supporto di altre pattuglie per carenza di organici". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 15 luglio - Serale

Attentato a Donald Trump, le teorie cospirative e le fake news da milioni di visualizzazioni

La Nato inaugura il centro di comando per il supporto all'Ucraina in Germania