Contenuto pubblicitario

 Information Office of Qingdao Municipal Government
Il termine "Partner Content" viene utilizzato per descrivere il contenuto del marchio che viene pagato e controllato dall'inserzionista piuttosto che dal team editoriale di Euronews. Questo contenuto è prodotto dai dipartimenti commerciali e non coinvolge lo staff editoriale di Euronews o i giornalisti della redazione. Il partner finanziatore ha il controllo degli argomenti, del contenuto e dell'approvazione finale in collaborazione con il dipartimento di produzione commerciale di Euronews.
This content is not available in your region
Contenuto pubblicitario
Il termine "Partner Content" viene utilizzato per descrivere il contenuto del marchio che viene pagato e controllato dall'inserzionista piuttosto che dal team editoriale di Euronews. Questo contenuto è prodotto dai dipartimenti commerciali e non coinvolge lo staff editoriale di Euronews o i giornalisti della redazione. Il partner finanziatore ha il controllo degli argomenti, del contenuto e dell'approvazione finale in collaborazione con il dipartimento di produzione commerciale di Euronews.
Information Office of Qingdao Municipal Government

Secondo vertice delle multinazionali di Qingdao: 10.000 partecipanti da tutto il mondo

© Qingdao
© Qingdao   -   Diritti d'autore  euronews

Tenutasi sotto le scintillanti e sinuose linee curve della China Railway Qingdao Expo City, la seconda edizione del summit delle multinazionali ha superato tutte le aspettative, con 10.000 partecipanti online e di persona.

Forte del successo del vertice inaugurale del 2019, l’evento di quest’anno ha attirato dirigenti aziendali di 390 aziende Fortune 500, inviati diplomatici in Cina di 15 diversi Paesi e oltre 500 leader del settore.

Presidenti, vicepresidenti e amministratori delegati delle multinazionali hanno elogiato la serie di incontri, dibattiti e conferenze, oltre alla capacità organizzativa del governo della provincia di Shandong, definendola “ospitale”, “innovativa” e “dinamica”.

“Il numero e il calibro delle aziende presenti è davvero sorprendente”, ha affermato Guido Giacconi, vicepresidente della Camera di commercio dell’Unione europea in Cina. Ha inoltre aggiunto che il vertice migliorerà l’intesa e la cooperazione tra la Camera europea e i leader di governo in Cina.

La posizione della Cina come seconda economia più grande del mondo, la sua agilità nello sfruttare le opportunità commerciali, il suo enorme mercato interno e la sua infrastruttura industriale la rendono da molto tempo una prospettiva attraente per gli investimenti e la collaborazione. Le recenti e incisive misure adottate per ridurre la diffusione della pandemia di COVID-19 e stabilizzare l’economia sono servite anche a rafforzare la fiducia internazionale e ciò si è riflesso nell’alto numero di aziende e rappresentanti che hanno partecipato al vertice.

Molti ospiti hanno elogiato l’ambiente naturale della stessa Qingdao, popolare luogo turistico sulla costa del Mar Giallo, nota per la sua industria cinematografica, l’architettura e la tanto amata birra Tsingtao.

Con un importante porto e ottimi collegamenti con il resto della Cina e non solo, Qingdao è da tempo uno dei luoghi di incontro preferiti dalle multinazionali. Tra le 166 aziende Fortune 500 qui presenti troviamo Panasonic, Samsung e Airbus.

euronews
© Qingdaoeuronews

Collaborazione tra nazioni e aziende per un futuro migliore

La due giorni si è aperta il 15 luglio con il proposito di ricercare obiettivi comuni, cementare amicizie e stabilire collaborazioni reciprocamente vantaggiose. Gli obiettivi dichiarati hanno incluso anche la creazione di una piattaforma di alto livello per il dialogo tra le multinazionali e gli ambienti politici e accademici, e la volontà del Presidente Xi Jinping di aprire la Cina al mondo è sempre stata in prima linea.

“Il vertice stesso trasmette un segnale positivo che la Cina è disposta a costruire assieme ad altri Paesi un’economia globale aperta”, ha affermato Tracy Xie, presidente dell’azienda mineraria globale Vale China, che ha sede in Brasile.

Con un ampio ventaglio di attività, mostre e incontri, sono stati trattati temi chiave quali i diritti di proprietà intellettuale, lo sviluppo del bacino del Fiume Giallo, la cooperazione transnazionale e l’economia verde.

“L’obiettivo della sostenibilità non sarà raggiunto da una sola azienda, una sola città o anche un solo Paese, ma richiede l’impegno di tutti all’interno di un ecosistema”, ha dichiarato Visal Leng, presidente di Johnson Controls Asia-Pacifico. Parlando dei governi della provincia di Shandong e del Paese stesso, ha affermato: “L’attenzione alla sostenibilità e alla decarbonizzazione è una grande notizia per noi. Questo è ciò di cui si occupa Johnson Controls”.

Il vertice ha dimostrato un ampio consenso per l’obiettivo della Cina di raggiungere il picco delle emissioni entro il 2030 e la neutralizzazione del carbonio entro il 2060. Le industrie rappresentate all’evento hanno manifestato un vivo interesse per gli investimenti della Cina nello sviluppo verde.

Perché ciò avvenga è necessaria la collaborazione tra multinazionali ed entità finanziarie, e il vertice ha offerto ai partecipanti molte opportunità di stringere alleanze. Yamato Kenichi, presidente della Bank of Tokyo-Mitsubishi UFJ in Cina, ha dichiarato: “Sempre più aziende cinesi sono impegnate nel risparmio energetico e nella riduzione delle emissioni e la nostra banca è desiderosa di fornire servizi finanziari corrispondenti a tali aziende”.

Riunioni a porte chiuse, tavole rotonde e roadshow cittadini e aziendali tenuti nei due giorni hanno offerto ulteriori opportunità per rafforzare la collaborazione e la comprensione. A tal fine, l’Accademia cinese per il commercio internazionale e la cooperazione economica (CAITEC), una think tank del Ministero del Commercio, ha stilato per i partecipanti un rapporto intitolato “Multinazionali in Cina: nuove opportunità derivanti da un nuovo paradigma”.