ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il viaggio europeo di Joe Biden

Di Stefan Grobe
euronews_icons_loading
Il viaggio europeo di Joe Biden
Diritti d'autore  BRENDAN SMIALOWSKI/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Mancano pochi giorni al lancio del certificato digitale Covid, il 1° luglio, il documento che dovrebbe rendere i viaggi in Europa molto più facili. La maggior parte degli europei non vede l'ora di partire per le vacanze estive.

Alcune persone, però, sono già impegnate a viaggiare.

Ad esempio Ursula von der Leyen. In soli tre giorni il presidente della Commissione ha visitato Portogallo, Spagna, Danimarca, Grecia e Lussemburgo. Un bel risultato, anche per un politico esperto.

Era un tour di buone notizie per informare ufficialmente i rispettivi governi che i loro piani di risanamento nazionali sono stati approvati. Ora i fondi possono cominciare a scorrere! Non c'è da stupirsi che tutti fossero contenti.

E giustamente, perché il giorno prima la Commissione ha raccolto 20 miliardi di euro tramite un bond decennale per finanziare la ripresa dell'Europa dal Covid.

Questa è stata la più grande emissione di obbligazioni istituzionali in Europa, la più grande transazione istituzionale a singola tranche e il più grande importo che l'UE ha raccolto in un'unica transazione!

Se questo non è un motivo per sorridere, allora non so proprio che cosa lo sia.

E il sorriso è continuato questa settimana quando Joe Biden è arrivato in città.

Come ha notato un osservatore, era difficile dire chi fosse il più felice, tra Biden e gli europei, che Donald Trump non sia più il presidente degli Stati Uniti.

Durante i colloqui sono stati fatti passi avanti su più fronti, mentre altre questioni necessitano di più tempo.

Ma le sensazioni principali sono state sollievo e gioia.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione UE: "È stato bello sapere che gli Stati Uniti sono chiaramente d'accordo con noi sul fatto che l'Unione europea non sia una minaccia per la loro sicurezza nazionale, quindi ne siamo felici".

Charles Michel, presidente del Consiglio dell'UE: "Siamo felici che gli Stati Uniti siano tornati. Accogliamo con favore anche il lavoro concreto, intenso, denso che siamo stati in grado di svolgere oggi".

Nonostante tutto questo amore, Bruxelles e Washington non sono riuscite a porre fine alla loro faida durata 17 anni sui sussidi pagati ad Airbus e Boeing.

Invece, dopo cinque anni di infinite discussioni hanno concordato un cessate il fuoco.

Dimostra che un accordo di pace transatlantico completo sarà difficile, indipendentemente da chi sia il presidente americano.

Rimane irrisolta anche la spinosa questione dei dazi sulle esportazioni di acciaio e alluminio dell'UE, una delle decisioni più trumpiane degli ultimi quattro anni.

C'è l'intesa da entrambe le parti che queste tariffe - e le contromisure europee - debbano essere revocate al più presto. Ma il diavolo sta nei dettagli.

Durante il summit, ho avuto la possibilità di parlare con il ministro americano per il Commercio Gina Raimondo di questo problema - e molto altro ancora.

Stefan Grobe, Euronews: Ministro, benvenuta nel programma. Grazie per essere qui. Ci parli di questo vertice. Qual era l'atmosfera? Immagino che sia stata come una riunione di una ex coppia che torna a parlarsi.

Raimondo: Sì, è stato un sollievo. Penso di aver sentito dal sollievo degli europei che il presidente Biden è qui e che l'America che hanno imparato a conoscere e ad amare è tornata. C'è grande ottimismo, ottimismo che noi amici, amici di vecchia data siamo tornati al tavolo a lavorare insieme, condividere valori comuni e risolvere insieme problemi.

Stefan Grobe, Euronews: Donald Trump ha usato violentemente i dazi sulle esportazioni di acciaio e alluminio statunitensi. Perché è così difficile sbarazzarsi di loro e delle contromisure dell'UE?

Raimondo: Il vero problema non è l'UE in sé, è la Cina e l'eccesso di offerta di acciaio e alluminio poco costosi e sporchi che la Cina sta spingendo nei nostri mercati e che poi si riversa in America e minaccia la nostra industria siderurgica e i nostri lavoratori dell'acciaio, che sono vitali. Detto questo, ho avuto una serie di riunioni mentre ero qui e sono ottimista sul fatto che saremo in grado di lavorare a una soluzione.

Stefan Grobe, Euronews: Uno dei risultati del vertice è stato il lancio del Consiglio per il commercio e la tecnologia. Qual è lo scopo di questa struttura?

Raimondo: Invece di occuparsi solo di sicurezza informatica o semiconduttori o intelligenza artificiale o privacy, li prendiamo nel loro insieme in modo più efficiente ed efficace. Francamente, ci saranno sfide. Non saremo sempre d'accordo su tutto. Ma con questo consiglio possiamo lavorarei nostri valori condivisi e affrontare le questioni che sono nel nostro reciproco interesse.

Stefan Grobe, Euronews: Non possiamo davvero parlare di relazioni commerciali senza menzionare la Cina. Quindi, qual è la strategia comune della Cina per contrastare l'aggressiva politica economica cinese?

Raimondo: Quindi noi, insieme all'Europa, dobbiamo scrivere le regole della strada. Dobbiamo scrivere insieme le regole della strada in relazione alle tecnologie emergenti. Dobbiamo assicurarci di poter contare l'uno sull'altro per la fornitura di semiconduttori, ad esempio. Quindi, la vera strategia è avere un'America forte e un'UE forte, una forte industria americana, innovazione e imprenditorialità e lo stesso qui in Europa.

Dopo tanti sorrisi in questa edizione, è l'ora di stress, sudore e paura. La paura dei giornalisti di foto e video siano esclusi da un evento che dovrebbero coprire.

Il vertice di Ginevra con Joe Biden e Vladimir Putin è iniziato con forti spinte e urla tra giornalisti e funzionari della sicurezza.

La scena è poi degenerata nel caos all'interno della sala riunioni mentre i due presidenti si sono seduti goffamente davanti alla stampa. Anche le immagini più innocenti che vedi in TV a volte sono il risultato di un duro lavoro fisico.