EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Covid: risalgono contagi e morti, ma meno di 8 mila ricoveri

Tasso di positività al 2,1%. Attuali positivi scendono di 1.347
Tasso di positività al 2,1%. Attuali positivi scendono di 1.347
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Risalgono sopra i 4 mila i test positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute, mentre le vittime sono ancora 171. Continua però inesorabile la discesa del numero dei pazienti in terapia intensiva e nei reparti ordinari; questi ultimi sono ora meno di 8 mila. Sono per la precisione 4.147 i casi registrati in un giorno; ieri erano stati 3.937. I morti erano invece stati 121, ben 50 in meno. I test sono diminuiti rispetto al giorno precedente: sono 243.967 i tamponi molecolari e antigenici effettuati, ieri erano stati 260.962. Il tasso di positività è dell'1,7 %, in lieve aumento rispetto all'1,5% di ieri (+0,2%). Sono 1.206 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, in calo di 72 rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri sono stati 38 (ieri erano stati 39). Sono invece 7.707 i pazienti ricoverati con sintomi nei reparti ordinari, 411 in meno nelle ultime 24 ore. In totale i casi dall'inizio dell'epidemia sono 4.205.970, i morti 125.793. I dimessi ed i guariti sono invece 3.826.984, con un incremento rispetto a ieri di 10.808, mentre gli attualmente positivi scendono a 253.193 (-6.836). In isolamento domiciliare ci sono 244.280 persone (-6.353 rispetto a ieri). (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso, gli Stati Uniti: "Nave greca attaccata dagli Houthi"

Trump, processo verso la fine: sentenza attesa entro la settimana

Gaza, carri armati nel centro di Rafah: Israele, Usa ed Europa divisi dopo attacchi a campi profughi