EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Stalking: ex attaccante Cagliari Ragatzu rinviato a giudizio

Accusato dall'ex compagna, processo a Tempio il 15 luglio '21
Accusato dall'ex compagna, processo a Tempio il 15 luglio '21
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TEMPIO PAUSANIA, 22 OTT - Il calciatore ex Cagliari e Olbia, Daniele Ragatzu, è stato rinviato a giudizio per maltrattamenti e stalking nei confronti dell'ex compagna. L'apertura del processo è stata fissata per il 15 luglio 2021. La gup del tribunale di Tempio Pausania, Caterina Interlandi, ha deciso questa mattina dopo avere rigettato le eccezioni dell'avvocato della difesa, Filippo Pirisi, che contestava l'ammissibilità fra le prove dei messaggi scambiati per telefono fra l'imputato e il padre della vittima. Secondo l'accusa, sostenuta dal pm Luciano Tarditi, Ragatzu avrebbe maltrattato, umiliato, insultato la compagna e convivente tra l'ottobre del 2016 e l'ottobre del 2017, quando militava nell'Olbia. Violenza dettata dalla gelosia nei confronti della donna, costretta a lasciare il lavoro e a trascorrere le giornate chiusa in casa. Non solo, le persecuzioni nei confronti della giovane, difesa in aula dall'avvocata Cristina Cherchi, sarebbero continuate nonostante il suo stato di gravidanza e anche dopo che i due si erano lasciati e lei era tornata a vivere a casa dei genitori. Un inferno - secondo l'accusa - subito anche dalla famiglia della giovane, fino alla denuncia alle forze dell'ordine e all'apertura dell'inchiesta, sfociata ora in un processo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Romania: in metà del Paese si abbatte l'ondata di caldo, piogge torrenziali e tempeste nell'altra

Russia: otto vittime in un incendio a un edificio in Russia

Israele pensa a "possibile" de-escalation a Gaza, uccisa la sorella del leader di Hamas Haniyeh