ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dpcm: Deiana (Anci Sardegna), delega a sindaci è una idiozia

"Se un Governo decide il coprifuoco lo fa e basta"
"Se un Governo decide il coprifuoco lo fa e basta"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CAGLIARI, 19 OTT – Chi decide se disporre la
chiusura dopo le 21 di strade e piazze dei centri urbani dove si
possono creare situazioni di assembramento? Dalla versione
finale del Dpcm è sparita la parola “sindaci”, e adesso il
dubbio attanaglia anche i primi cittadini sardi. Scrive su
Facebook il presidente dell’Anci Sardegna Emiliano Deiana: “Alla
fine hanno tolto la ‘cosa’ dei sindaci e l’hanno sostituita con
un ‘non si sa chi’: Prefetto, Questore, Comitato ordine
pubblico”. Come al solito, denuncia Deiana, “la lettura del
testo definitivo dei Dpcm consente di farsi un’opinione certa su
almeno una questione: scrivono in un italiano raffazzonato,
borioso e approssimativo. Alla quarta riga ho abbandonato avendo
chiaro che le leggi non le possono scrivere Casalino e
Spadafora”. Il presidente regionale dell’Anci aveva già espresso tutte le
sue perplessità sulla delega ai sindaci: “Se un Governo decide
di attuare il coprifuoco lo fa, la delega ai sindaci non è solo
uno scaricabarile, ma proprio un’idiozia”. Infatti, “se un
sindaco chiude e l’altro lascia aperto cosa pensate che avvenga
sul territorio? Che le persone si mettono in macchina e migrano
da un posto all’altro”. E infine: “Se chiude il Governo il
controllo dell’esecuzione delle misure è demandato a polizia e
carabinieri, ma se chiude un sindaco, specie in città
medio-piccole e con gli organici dei vigili risotti all’osso,
chi controlla?” (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.