ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La guerra dei camion sulle strade europee

euronews_icons_loading
La guerra dei camion sulle strade europee
Diritti d'autore  Mindaugas Kulbis/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Fine della concorrenza sleale

È guerra nel settore del trasporto su gomma, dove le pratiche di concorrenza sleale infiammano gli animi dei conducenti di camion. La scorsa settimana è entrato in vigore il primo pacchetto mobilità dell’UE, un insieme di norme che mira a rafforzare le condizioni di lavoro dei lavoratori nel settore dei trasporti e garantire le stesse condizioni di accesso al mercato unico.

La vita dei camionisti, scandita da soste notturne nei parcheggi a lato delle autostrade e lunghi viaggi lontano dalle famiglie per settimane, potrebbe cambiare in meglio.

Le nuove norme europee infatti prevedono che 20 i conducenti di camion dovranno tornare nella loro sede aziendale ogni 3 o 4 settimane. La novità maggiore è inoltre rappresentata dal fatto che non sarà più permesso passare 45 ore nei camion durante il fine settimana. I datori di lavoro dovranno pagare ai loro dipendenti una stanza d'albergo.

“Lo stavamo aspettando da molto tempo. Incentiverà la concorrenza leale tra imprese e frenerà le pratiche scorrette di paesi che non rispettano le regole. Aiuterà inoltre i lavoratori a guadagnare un po 'di più", afferma Roger Deville, camionista belga.

Lo scontento degli imprenditori dell'Est Europa

Dale imprese, però, arriva la protesta: i proprietari di aziende di trasporti sostengono che non ci sono abbastanza hotel e parcheggi sulle autostrade.

"Penso che l'UE si sia precipitata a legiferare su questo tema e che sarebbe bene avere una moratoria perché mancano le condizioni materiali- spiega István Galambos, titolare di un'azienda ungherese-. L'autista dovrebbe lasciare il camion e il carico, prendere un taxi per arrivare in un hotel a 20 km di distanza. In molti casi non si trova nemmeno un parcheggio o un motel in quei posti ".

La misura potrebbe ridurre la competitività delle aziende dell’Est Europa in quanto potrebbero perdere delle commissioni ben pagate in Europa occidentale.

"Credo che queste misure di protezione del mercato nascondano in realtà il tentativo di creare un divario tra l'Europa occidentale e gli Stati membri dell'UE che hanno aderito nel 2004", conclude.

La Lituania ricorre alle vie legali

La Lituania sta preparando una causa legale contro il pacchetto mobilità presso la Corte europea di giustizia. Ma la Federazione europea dei trasporti su strada afferma che non c'è alcuna discriminazione e che è necessario garantire che tutte le aziende abbiano la stessa opportunità per competere sul mercato.