ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La povertà in Europa ai tempi del coronavirus. Vi spieghiamo chi sono i nuovi poveri e come vivono

euronews_icons_loading
La povertà in Europa ai tempi del coronavirus. Vi spieghiamo chi sono i nuovi poveri e come vivono
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Qual è l'impatto del coronavirus sui gruppi più vulnerabili in Europa e cosa sta facendo l'Unione europea per aiutarle?

La pandemia potrebbe aumentare il numero di persone indigenti e rendere più difficile l'esistenza a chi sta già lottando.

Per saperne di più, abbiamo visitato il Portogallo per vedere come Bruxelles affronta le esigenze di un numero crescente di indigenti e parlato con un esperto di studi europei per chiedere cosa si possa fare per assicurarsi che nessuno sia lasciato indietro.

Ma prima un corso accelerato su ciò che definisce una persona gravemente indigente in Europa e su quali paesi e gruppi siano, al momento, maggiormente colpiti .

La vita delle persone più povere in Europa è fortemente limitata dalla mancanza di risorse.

In genere vengono considerate povere le persone che:

Non possono permettersi di:

1 - pagare l'affitto o le bollette

2 - mantenere le loro case abbastanza calde

3 - mangiare proteine di buona qualità come pesce e carne ogni due giorni

4- andare per una settimana in vacanza

5 - usare un'auto, avere una lavatrice o una TV a colori

6 - permettersi un telefonino.

Nel 2019, il 5,6% della popolazione europea era in queste condizioni. Sono circa 24 milioni di persone.

Si prevede che la pandemia di coronavirus aumenterà in modo significativo il numero di persone indigenti in Europa.

Questo rischio è particolarmente elevato per i giovani, per quelli con un basso livello di istruzione e per le famiglie monoparentali, in particolare le madri single.

In Europa la Bulgaria (19,9%), la Grecia (15,9%) e la Romania (12,6%) hanno registrato i livelli più alti lo scorso anno.

Il Fondo per gli aiuti europei agli indigenti (FEAD) è destinato a fornire 3,8 miliardi di € per cibo o supporto di assistenza, ai gruppi più svantaggiati attraverso pasti, pacchetti alimentari o articoli di consumo di base come materiale scolastico e articoli d'igiene personale.

In Portogallo, un paese che ha lottato per anni con la crisi f inanziaria, oltre 2 milioni di persone sono a rischio di povertà o esclusione sociale.

Abbiamo visitato Lisbona per vedere come le persone sono supportate nei i loro bisogni di base, compresa la nutrizione quotidiana nel bel mezzo della pandemia.

A Lisbona, l'associazione Casa da Misericordia si sta adattando alla nuova realtà imposta dalla crisi del coronavirus.

Nonostante le attuali misure sanitarie, continuino a distribuire pacchi alimentari ai meno fortunati. Ogni mese ne beneficiano 1.200 famiglie, come Sandra, contabile e disoccupata da un anno. Vive grazie a un reddito d'integrazione sociale e questo aiuto alimentare.

Sandra Basílio, disoccupata: Questo aiuto è importante per me, perché colma lacune per molte cose che non riesco davvero a comprare. Ad esempio, il latte è davvero qualcosa che mi manca. Per ora ho due confezioni da sei litri e con il denaro rimasto, che non spendo in cibo, posso pagare bollette di elettricità, acqua e gas.

In Portogallo pacchetti come quelli di Sandra sono finanziati dal fondo europeo FEAD . Nel paese ammonta a 177 milioni di euro per assistenza alimentare e materiale.

Le associazioni che li distribuiscono possono utilizzare questo denaro per acquistare dispositivi di protezione e garantire che l'aiuto continui a essere fornito.

Informazioni comunicate dalla Commissione europea - Responsabile FEAD in Portogallo

In Portogallo, lo FMI (Fondo Monetario Internazionale) prevede che il tasso di disoccupazione raddoppierà nel 2020.

Questa donna ha perso l'80% delle sue entrate come indipendente; e l'attività commerciale del marito non è stata in grado di rinnovare il suo contratto. Un duro colpo per questa coppia di ex volontari dell'aiuto alimentare.

Dice un uomo: Ora, siamo noi che abbiamo bisogno di questo tipo di supporto. Era impensabile.

Così una donna: L'unica cosa di cui possiamo essere sicuri è il restante 20% della mia attività e questo aiuto alimentare. Abbiamo anche un figlio e questa è una grande preoccupazione. Con questo aiuto, riusciamo a pagare le spese, per essere sicuri di arrivare alla fine del mese.

Con la caduta del reddito delle famiglie, la domanda di aiuti alimentari dovrebbe aumentare considerevolmente.

Alla Casa della Misericordia, sono già aumentati del 15%. I lavoratori precari con bassi salari sono i più colpiti.

Susana Veiga Ferreira, coordinatrice del progetto, Santa Casa da Misericordia de Lisboa: Vediamo tutti i tipi di profili, ma soprattutto persone che hanno perso il lavoro. Prevediamo che potrebbe esserci un aumento dei prodotti alimentari di circa il 50%. Siamo in un periodo di adattamento e dobbiamo adattare tutta la logistica e verificare la disponibilità degli spazi di stoccaggio.

Bruxelles

Torniamo a Bruxelles per intervistare il presidente della Fondazione Studi Europei, la dott.ssa Maria Joao Rodriguez.

Efi Koutsokosta: "La recessione è già qui e i gruppi più vulnerabili e ovviamente i più colpiti sono i giovani o i genitori single. Che tipo di misure può adottare l'Europa affinché tutti siano protetti?"

Maria Joao Rodrigues: "Mi permetta di concentrarmi sui gruppi target a cui si riferisce, ai giovani. Molti di loro hanno un lavoro, un lavoro precario. Quindi dobbiamo assicurarci che il contratto, il contratto a breve termine che hanno, sia prolungato nel tempo. Lei ha anche parlato di genitori single. Si trovano davani alla scelta se andare al lavoro e lasciare i figli a casa e mandarli in scuole che non sono abbastanza sicure, oppure stare a casa con i loro figli e perdere lo stipendio e il lavoro. Dobbiamo estendere gli schemi di licenziamento a tutti i genitori single per assicurarci che non si trovino di fronte a questo terribile dramma".

Efi Koutsokosta: "E che dire delle migliaia di lavoratori privi di documenti o stagionali che non hanno un contratto di lavoro? Fanno domanda per le indennità di disoccupazione e cercano ammortizzatori sociali? Come dovrebbero essere protetti?"

Maria Joao Rodrigues: "Mi consentita di fare riferimento a una misura intelligente lanciata in Portogallo, che offriva a queste persone la possibilità di registrarsi, per beneficiare dei diritti sociali".

In questo modo, possiamo trasformare il lavoro informale senza diritti in lavoro formale con diritti. Questa è una vittoria perché questi lavoratori ne trarranno beneficio. In secondo luogo, anche i sistemi pubblici ne trarrebbero beneficio perché, una volta che questi lavoratori saranno formali, inizieranno anche a pagare le normali tasse e contributi per la protezione sociale.

Efi Koutsokosta: "In che modo le persone più indigenti possono beneficiare del Fondo di recupero attualmente oggetto di discussione?"

Maria Joao Rodrigues: "Dobbiamo assicurarci che le PMI, in particolare, siano direttamente supportate con i mezzi finanziari per sopravvivere e rilanciare le loro attività. Infine, dobbiamo assicurarci che i regimi di reddito minimo funzionino ovunque per garantire che tutti siano protetti dalla caduta nella povertà. Questo tipo di supporto può funzionare solo se non prevede molti prestiti, ma sovvenzioni. Penso che sia giunto il momento storico in cui gli europei devono decidere".