ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La festa di San Biagio a Dubrovnik: storia, tradizione e... Patrimonio dell'Umanità

euronews_icons_loading
La festa di San Biagio a Dubrovnik: storia, tradizione e... Patrimonio dell'Umanità
Diritti d'autore
euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

DUBROVNIK (CROAZIA) - Appena al di là dal Mare Adriatico, troviamo un gioiello senza tempo, capace di resistere a invasioni, assedi e guerre (come la Guerra dei Balcani, che ha comunque provocato molto danni alla città), senza perdere mai nulla del proprio fascino.

Dubrovnik, l'antica Ragusa (nome ufficiale fino al 1918), è una collezione del meglio della costa dalmata. Strade acciottolate, maestosi edifici e mura epiche che per mille anni hanno protetto la Perla dell'Adriatico.
Ma non sono stati solo i suoi bastioni a proteggerla.

Ci ha pensato San Biagio (Vlaho, in lingua croata)...

La leggenda narra...

Spiega la guida turistica Marina Krističević:

"La leggenda narra che nel X secolo San Biagio apparve nel sogno di un prete per avvertirlo delle navi nemiche che arrivavano a Dubrovnik con l'intenzione di attaccare. Il sacerdote prese sul serio l'avvertimento e allarmò tutti i membri del governo locale, prepararono la difesa e la città fu salvata grazie a San Biagio, per cui fu adottato come nostro patrono.
Ci sono quasi 30 statue di San Biagio che fiancheggiano e proteggono tutti i più importanti edifici pubblici: una vera protezione simbolica".

Euronews

Il 3 febbraio è festa!

La giornalista di Euronews, Cristina Giner, visita per la prima volta Dubrovnik...vestita a festa.

"Dubrovnik festeggia il suo gran giorno, il 3 febbraio. Siamo alla festa di San Biagio, il patrono della città, che si commemora da più di un millennio. Questa è l'edizione numero 1048! Queste feste sono le più popolari in questa bellissima enclave mediterranea".

Euronews

Più di 1000 anni di storia

La commemorazione risale all'anno 972. Il simbolo di San Biagio unisce istituzioni e cittadini dell'allora Repubblica di Ragusa. Oggi persone provenienti da ogni angolo della regione di Dubrovnik si riuniscono per onorarlo.

È festa non solo a Dubrovnik, ma anche per gli abitanti delle isole di Melèda (Mljet) e Lagosta (Lastovo) e per i contadini dei Canali (Konavle).

"Dieci anni fa questa festa è stata iscritta nella lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell'UNESCO", dice la ministra croata della Cultura, Nina Obuljen Koržinek, originaria proprio di Dubrovnik.

Questa è un'altra testimonianza del valore che ha per la città, per il nostro paese, ma anche per l'umanità.
È davvero una festa culturale e rafforza l'identità dei cittadini di Dubrovnik".
Nina Obuljen Koržinek
50 anni, Ministra della Cultura - Croazia
Euronews

Dopo una messa solenne, la processione porta le reliquie del Santo Patrono in giro per la città vecchia.

Un giorno che i cittadini di Dubrovnik vivono con emozione.

"Ci alziamo presto la mattina, indossiamo tutti il nostro "vodrup", il costume tipico, e veniamo qui alla Messa.
Questo è un giorno molto speciale per noi"
Nikoleta Borković
partecipante alla festa di San Biagio
Euronews

"San Biagio salvò un bambino che stava soffocando"

I festeggiamenti si svolgono intorno alla chiesa dedicata al Santo, che è anche il Patrono di chi soffre di malanni alla gola.

La storica Katarina Komaić ci spiega il perchè di questa origine.

"Uno dei miracoli che ha compiuto è stato quello di guarire un bambino che soffocava con una lisca di pesce, ha compiuto un miracolo con le candele e il bambino si è salvato".

Euronews

Arrivano i "trombunjeri"!

Come è consuetudine, i parroci benedicono la gola dei fedeli con i tradizionali ceri della croce.

I cosiddetti "trombunjeri" sono incaricati di aprire e chiudere la festa.

La città-stato di Ragusa

La città-stato di Ragusa è riuscita a sopravvivere per decenni alle minacce di Oriente e Occidente...

Krešimir Macan è uno dei "trombunjeri":
"Questo è anche un modo per mostrare la forza della potenza militare, perché a quei tempi era importante mostrare di avere dei fucili e alcune delle più grandi armi della zona nel XV secolo erano prodotte qui".

I botti a base di polvere da sparo pongono fine ai festeggiamenti ufficiali, ma per le strade la festa continua.

Riprenderà, ovviamente, il prossimo 3 febbraio.

Link utili

La festa di San Biagio

Dubrovnik durante la Guerra dei Balcani

"Social" Backstage

L'inviata di Euronews a Dubrovnik, Cristina Giner, realizza uno scatto in perfetto "Making of" e lo posta sul suo profilo privato di Twitter. Per intenderci: San Biagio viene tradotto in inglese come "Saint Blaise"...

Una cartolina da...Dubrovnik

Euronews
Lo splendore di Dubrovnik, avvolta dal Mare Adriatico: saluti da qui!Euronews
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.