ULTIM'ORA

The Brief From Brussels: Ungheria, Ong denuncia frodi nelle elezioni

The Brief From Brussels: Ungheria, Ong denuncia frodi nelle elezioni
Diritti d'autore
REUTERS Bernadett Szabo
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel 2018 il Primo Ministro ungherese Orban festeggiava la vittoria alle elezioni parlamentari.

Ora un anno dopo un'indagine della ONG Unhack Democracy ha rivelato che almeno 10 seggi sono il risultato di frodi o manipolazioni.

La Ong ha raccolto 170 testimonianze nel Paese.

"Rivelano una vasta gamma di cattive pratiche e irregolarità e frodi in tutto il paese, compresi la compravendita di voti, le intimidazioni agli elettori . Un misto di falsi elettori e pullman di votanti da oltre confine, dalla Serbia, Ucraina e Romania." ha spiegato Zsofia Banuta, riceratrice di Unhack Democracy Europe.

La ONG afferma che le violazioni durante le elezioni sono state sistematiche e la volontà degli ungheresi non è stata rispettata. Ma non è chiaro se le istruzioni venissero dal governo.

"Abbiamo testimonianze di persone che parlano di intrusioni del governo. Abbiamo una serie di testimonianze e prove di violazioni in tutto il paese che suggeriscono non si tratti di casi isolati. I risultati dimostrano una influenza sostenuta; se questo sia accaduto al di fuori dalla dirigenza o se questo sia accaduto per il premier non lo sappiamo , ma sta avvenendo " ha raccontato Garvan Walshe, direttore di Unhack Democracy Europe.

La Ong raccomanda all'UE di utilizzare i loro risultati nella procedura in corso dell'articolo 7, che potrebbe comportare sanzioni contro Budapest.

Le altre notizie da Bruxelles

Consiglio: Limitare i rischi del 5G:

L'Ue deve limitare i rischi sulla sicurezza legati alle reti 5 G.

In una riunione a Bruxelles, i ministri Ue delle telecomunicazioni hanno sottolineato che il 5G sarà un elemento fondametale per la società e l'economia.

L'approccio sulla rete 5G deve essere basato sui rischi ha concluso il Consiglio. I componenti critici per la sicurezza nazionale devono essere forniti solo da parti affidabili.

Corte Ue: legali le restrizioni Ue sulle armi da fuoco

Le regole europee sulle restrizioni alle armi da fuoco resteranno in vigore.

La Corte di Giustizia Europea ha avviato una causa intentata dalla Repubblica ceca.

I giudici hanno dichiarato che l'azione legislativa intrapresa dall'Unione a seguito degli attacchi terroristici del 2015 è legale.

Ad esempio, alcune armi semiautomatiche sono state bandite.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.