ULTIM'ORA

Pasquaretta, mai minacciato Appendino

Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TORINO, 8 NOV – “Non ho minacciato Chiara Appendino.
L’assessore Sacco, che credevo amico, ha interpretato male i
miei sfoghi”. Così Luca Pasquaretta, interrogato in Procura a
Torino, si è difeso dall’accusa di estorsione ai danni della
prima cittadina. “Io e Chiara siamo amici, la considero una
sorella minore”, dice l’ex portavoce della sindaca, che si è
presentato ai pm “per spiegare e rivendicare il lavoro svolto al
Salone del Libro 2017”. Tra le accuse nei suoi confronti c‘è
anche il peculato per la consulenza da 5mila euro. “Appendino – ribadisce Pasquaretta, all’interrogatorio con la
borsa dell’edizione 2017 della kermesse – non ne sapeva nulla”.
Il giornalista ha raccontato ai pm Enrica Gabetta e Gianfranco
Colace di aver tenuto rapporti istituzionali, supervisionato la
comunicazione, contribuito al merchandising. “Non c’entro nulla
anche con la vicenda di Parco Dora. Non ho mai avuto compiti
amministrativi”, aggiunge a proposito delle accuse per la
proiezione Champions gemella a quella di piazza San Carlo.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.