Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

The Brief From Brussels: Brexit, In Olanda una festa per salutare gli inglesi

The Brief From Brussels: Brexit, In Olanda una festa per salutare gli inglesi
Diritti d'autore
REUTERS/Henry Nicholls
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Wijk Aan Zee, è una cittadina balneare olandese di circa 2.400 abitanti. Due settimane fa un cittadino locale ha avuto un'idea stravagante. Per organizzare una festa in onore della Brexit il 31 ottobre. Per spargere la voce, il regista cinquantacinquenne Ron Toekook ha organizzato un evento su Facebook. La sua idea è diventata virale e si aspetta che arrivino 10.000 persone.

"Ciò che sorprende è che le persone stanno prenotando voli dagli Stati Uniti e dalla Cina, ho appena sentito anche di qualcuno dalla Spagna" racconta Ron Toekook.

Il sindaco Martijn Smit ritiene che questo evento sarà importante per far conoscere la zona:

"A Wijk Aan Zee, ci piace far festa, ma deve essere responsabile, questo è il mio lavoro. L'idea di scambiarci i saluti con gli inglesi è ottima e poi ci saranno diversi tipi di musica da differenti paesi europei. È un'idea straordinaria e la supportiamo"

Le altre notizie da Bruxelles:

Mike Pompeo a Bruxelles

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo è atteso per colloqui a Bruxelles.

Pompeo incontrerà il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Gli argomenti includeranno probabilmente la situazione in Afghanistan, dove il rappresentante americano ha negoziato un progetto di accordo di pace con i talebani.

La Svezia investe sulla difesa

La Svezia ha reso pubblici piani per introdurre una nuova tassa bancaria per finanziare i futuri investimenti per la difesa.

Il Paese neutrale rinnova i suoi sforzi per contrastare la concentrazione militare della Russia nella regione del Mar Baltico.

L'annuncio è arrivato poco dopo la notizia che Stoccolma aumenterà le spese per la difesa dall'1% all'1,5% entro il 2025.