ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Incontro Von der Leyen- Macron: sintonia sui dossier europei

euronews_icons_loading
Incontro Von der Leyen- Macron: sintonia sui dossier europei
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo l'elezione è il momento di passare ai ringraziamenti.

La maratona diplomatica di Ursula Von der Leyen non poteva non iniziare da Parigi, dove ha incontrato il presidente francese, Emmanuel Macron.

Una visita d'obbligo: è stato proprio lui ad aver suggerito e sostenuto la candidatura della delfina di Angela Merkel come presidente della Commissione europea.

L'occasione è servita per riaffermare pubblicamente la vicinanza dei due leader sui dossier europei e non solo. La nuova presidente della commissione UE deve in primis risolvere l'intrigato puzzle delle nomine dei Commissari europei. Un vero rimpicapo per il quale avrà un disperato bisogno del sostegno del presidente francese Macron.

"Si apre un nuovo capitolo per le ambizioni che i nostri cittadini hanno manifestato a maggio e che lei hai fermamente trasmesso nel discorso che ha pronunciato al parlamento europeo e che sarà la spina dorsale del suo progetto in cui la Francia si rispecchia pienamente", ha dichiarato Macron.

Ursula von der Leyen deve il suo seppur modesto successo parlamentare al fatto di aver inserito nel suo discorso all'eurocamera molti degli elementi provenienti dall'agenda europea di Macron, come l'ecologia. La sua posizione sulla Brexit inoltre è considerata positiva per l'andamento dei negoziati, spiega Pieter Clepper di Open Europe.

"Penso che sia positivo il fatto che si sia detta aperta a un'estensione della Brexit, ma non credo che farà una grande differenza in confronto al suo predecessore. Forse il fatto che il segretario generale della commissione europea, Martin Selmayr, se ne sia andato è un fattore positivo perché era abbastanza bellicoso".

Il segretario generale uscente è spesso considerato come l'eminenza grigia dietro questioni più controverse della commissione Juncker.

Il precedente organo esecutivo di Bruxelles ha adottato una linea dura sulla Brexi, mentre Von der Leyen sembra preferire una posizione più morbida e pragmatica con Londra.