ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Tosca di Puccini di ritorno all'Opéra Bastille di Parigi

La Tosca di Puccini di ritorno all'Opéra Bastille di Parigi
Dimensioni di testo Aa Aa

Quattro morti in meno di tre ore: Tosca è uno dei thriller più avvincenti della storia della lirica. Il capolavoro di Giacomo Puccini è in scena all'Opéra Bastille di Parigi.

Uno spettacolo ricco di colpi di scena, con Martina Serafin nel ruolo della tragica eroina e Marcelo Puente che ne incarna l'amante, Mario Cavaradossi.

Secondo Serafin, "Puccini è in anticipo sui tempi, gestisce le emozioni meravigliosamente. Ad esempio quando Scarpia dice...'Aprite le porte!' per far sentire a Tosca il suo amante mentre viene torturato, e poi parte l'orchestra, e lui dice: 'Più forte, più forte!', in quel momento è come essere in un film".

Il risultato di una straordinaria capacità, da parte di Puccini, di aderire alla realtà, ci dice il direttore d'orchestra, Dan Ettinger: "Puccini è il re del verismo, scrive di persone vere, di luoghi veri, di culture vere". E Puente conferma: "Dramma, passione, tradimento, politica, gelosia, intrighi, tortura, c'è tutto, tutte le emozioni umane".

Tosca è una protagonista straordinaria, per la soprano che la interpreta: "Penso che sia una donna incredibilmente moderna. È molto religiosa, ma allo stesso tempo è una donna libera. Non è sposata, ha un amante, vive la sua vita".

Una donna innamorata, Tosca, pronta anche a gesti estremi per il suo amore, come uccidere Scarpia, il crudele capo della polizia che ha fatto di tutto per cercare di conquistarla. Ma non basterà per salvare il suo amante, e lei lo seguirà. Il finale è straziante, ricorda commossa Serafin:

"Puccini ha fatto un regalo a Tosca con questo finale, è solo lei a cantare..."Quando l'ho cantato oggi ho quasi pianto, perché è davvero forte. Cala questo sipario nero ed è chiaro che cosa sta succedendo. Lei muore e poi è in un'altra dimensione, la vediamo entrare nella luce..."

Tosca di Giacomo Puccini è in scena all'Opéra Bastille di Parigi fino al 23 giugno.