EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Brunei: marcia indietro, niente lapidazione per i gay

Brunei: marcia indietro, niente lapidazione per i gay
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il sultano del Brunei annuncia lo stop alla parte della sharia che prevedeva la lapidazione dei gay, dopo le proteste internazionali

PUBBLICITÀ

Il Brunei fa marcia indietro sulla Sharia. Il sultano Hassanal Bolkiah ha fatto sapere che la pena di morte prevista dalla legge islamica non sarà applicata, contrariamente a quanto annunciato lo scorso 3 aprile. La nuova legge prevedeva la lapidazione in caso di sesso omossesuale, stupro e adulterio e aveva scatenato in tutto il mondo proteste portate avanti da attori e celebrità come George Clooney. Nel Brunei anche altri crimini, come l'omicidio e il traffico di droga, sono punibili con la pena capitale, anche se è dal 1990 che non ci sono esecuzioni. Una moratoria di fatto che il sultano ha deciso di estendere ulteriormente.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Più di un milione di persone al Madrid pride: educazione alla diversità contro omotransfobia

Lettonia: Ringo e Locs, la prima coppia gay a registrare la sua unione

Elezioni europee, la comunità Lgbtq teme un'ascesa dell'estrema destra